Meteo Giornale » Archivio » Editoriali Meteo Giornale »

Sbalzi meteo. Ha fatto troppo caldo, ecco perché di colpo patiamo il freddo

immagine 1 articolo sbalzi meteo dal troppo caldo al troppo freddo

Siamo alle prese con i primi freddi di stagione, anche se non si può certo parlare di chissà quale freddo. Le temperature si sono certamente abbassate ulteriormente in questi ultimi giorni, ma possiamo dire che sono rientrate nella norma o si presentano solo localmente di poco inferiori alle medie del periodo.

E' arrivata anche tanta neve copiosa sulle Alpi e in parte dell'Appennino, ma questo non deve far pensare che l'inverno è giunto in anticipo. Le nevicate sono caratteristiche anche delle fasi di maltempo autunnale o tardo autunnale, come stiamo vivendo in questa prima parte di novembre.

Cronaca di un Inverno che sta per cominciare

Il corpo umano è notoriamente sensibile agli sbalzi meteo: ha un ottimo adattamento a un determinato clima (che si definisce acclimatamento) e soffre quando ci sono brusche variazioni di temperatura. Se pensiamo a quello che è stato ottobre, con sprazzi di clima tardo estivo, non c'è troppo da sorprendersi.

Insomma, è normale che stiamo soffrendo la recente brusca variazione termica verso un contesto quasi invernale. Il caldo eccessivo ce lo siamo trascinati sino ai primi di novembre e addirittura fino a pochi giorni fa la colonnina di mercurio raggiungeva punte di ben oltre 25 gradi in alcune località costiere adriatiche.

La Corrente del Golfo indebolita rapidamente: è allarme per il clima europeo

Ora il contesto climatico possiamo considerarlo più normale, la vera anomalia era quella vissuta nelle settimane precedenti. Ad onor del vero va detto che l'arrivo del primo freddo invernale, talvolta, negli ultimi anni è stato anche più brusco e repentino di quanto avvenuto in questi ultimi giorni.

Questo tipo d'eventi avvenivano anche negli scorsi decenni e spesso prendevano le persone alla sprovvista, mentre al giorno d'oggi è possibile saperlo in anticipo grazie al progresso compiuto dalla scienza nell'ambito delle previsioni meteo.

Ci si può così attrezzare di conseguenza, sia per evitare di rimanere impreparati con l'abbigliamento, sia per evitare possibili conseguenze salutari. D'altronde i primi malanni stagionali e l'influenza sono alle porte e potranno essere facilitati se il maltempo quasi invernale andrà avanti nel corso di novembre.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina