Meteo Giornale » Archivio » Sotto la lente »

Nel weekend la SVOLTA meteo: ANTICICLONE in crisi

immagine 1 articolo nel weekend la svolta meteo anticiclone in crisi

Sarà crisi temporanea o definitiva? Un quesito che per avere una risposta esaustiva merita un'approfondita analisi in quanto i principali modelli matematici di previsione ci danno delle indicazioni divergenti.

Ciò che possiamo dirvi, ad oggi, è che comunque avremo un netto indebolimento dell'Alta Pressione e il cambiamento dovrebbe esserci. Alta Pressione che, confermando quanto scritto sul finire della scorsa settimana, sposterà i propri massimi a ovest e lascerà spazio a un affondo depressionario sul Mediterraneo centro occidentale. Qui nascono le divergenze.

CENTRO METEO EUROPEO: seconda metà di Gennaio fredda e perturbata

Il modello americano GFS è più propenso ad un ingresso depressionario, peraltro supportato da aria fredda proveniente dall'Artico, sui nostri mari mentre l'europeo ECMWF punta ad un ingresso più occidentale - iberico - con differenze sostanziali in termini sia di eventuali fenomeni sia soprattutto di temperature.

Dovesse prevalere l'ipotesi americana, lo possiamo affermare tranquillamente, l'Inverno si affaccerebbe con convinzione. L'irruzione ci colpirebbe in pieno, facendo calare sensibilmente le temperature e dando luogo a un peggioramento che - viste le condizioni termiche - potrebbe sfociare in locali nevicate a bassa o bassissima quota. Soprattutto al Centro Nord. Stiamo parlando del weekend, sino a quel momento dovremo affrontare altre giornate anticicloniche con tutte le conseguenze del caso. In primis lo smog, che in molte zone d'Italia - soprattutto nelle grandi città - sta diventando un problema non trascurabile.

Meteo estremo: Tempeste di NEVE e VENTO generate dal Vortice Polare, dove ed evoluzione

Qualora dovesse realizzarsi l'ipotesi europea tutto sarebbe diverso. Se l'affondo prendesse la via "iberica" si potrebbe strutturare un vortice depressionario che andrebbe a richiamare correnti meridionali, quindi nessun calo delle temperature. Le precipitazioni potrebbero coinvolgere le aree occidentali d'Italia, ma molto dipenderebbe dall'esatta collocazione del vortice.

Attualmente sbilanciarsi a favore di una o dell'altra ipotesi non è possibile. Viste le recenti performance dei modelli in oggetto sarebbe più facile puntare sull'europeo ma non è detto. Tutto dipenderà da come riusciranno a leggere l'effettivo movimento dell'Alta Pressione e l'attività ciclonica atlantica. Perché nel caso dell'europeo quest'ultima viene vista in grande spolvero, con una vera e propria area ciclonica in scivolamento sull'Europa occidentale. L'americano è meno solerte nel vedere un'Atlantico invadente e l'eventuale frenata zonale potrebbe risultare più incisiva (con conseguente scambio meridiano). Tra qualche giorno saremo in grado di darvi una risposta.

Meteo SETTIMANA con l'Alta Pressione, poi PEGGIORA - NEVE al Nord

Escalation invernale potenziale con sconquasso esplosivo in atmosfera

Pubblicato da Ivan Gaddari

Inizio Pagina