Meteo Giornale » Archivio » Editoriali Meteo Giornale »

Il calvario di un INVERNO mai nato...

immagine 1 articolo il calvario di un inverno mai nato

Siamo qui, giorno dopo giorno, a cercare di trovare un solo elemento che possa garantirci un cambiamento delle attuali condizioni meteo climatiche.

Dicembre non è stato per niente freddo, eccezion fatta per gli ultimi giorni dell'anno allorquando un'irruzione coinvolse le regioni adriatiche e del Sud. Poi è arrivata l'Alta Pressione, che ha messo a tacere ulteriori velleità invernali. L'altra irruzione, perché ne abbiamo avuto una seconda, ha appena lambito le regioni meridionali. Se proprio si vuol parlare di freddo dobbiamo fare riferimento al fenomeno delle inversioni termiche, fatto assolutamente normale in presenza di un Anticiclone nel cuore dell'Inverno.

20 gennaio data della SVOLTA invernale? Le ultimissime novità

C'è chi lo definisce freddo "artificiale", soprattutto in Val Padana, ma se volessimo fare due conti "termici" il bilancio non sarebbe per nulla lusinghiero. Stiamo assistendo, c'è poco da fare, al calvario di un Inverno mai nato. In apertura si parlava di un solo elemento capace di garantirci una svolta. A ben vedere con un Vortice Polare in simili condizioni di salute è difficile ipotizzare un cambiamento eclatante. Eppure...

Eppure di elementi ce ne sono eccome. Col passare dei giorni stanno accadendo delle cose, a livello di circolazione generale, che potrebbero innescare la giusta scintilla. Uno dei primi che ci viene in mente è la cosiddetta "convezione tropicale", rappresentata dall'indice MJO. E' previsto il passaggio verso il Pacifico occidentale e tale propagazione, di solito, è propizio alle ondate di freddo europee.

Centri Meteo: MJO in fase 7-8, possibile arrivo di un periodo molto freddo sull'Italia

Stiamo parlando di scambi meridiani, accesi, capaci di portare l'Alta delle Azzorre ad alte latitudini e l'aria fredda del Circolo Polare Artico verso sud. Non solo. Se dovessimo considerare alcune elaborazioni modellistiche a lunghissimo termine, i disturbi a carico delle onde di pressione potrebbero ripresentarsi. S'intravede una cosiddetta bilobazione del Vortice Polare, il ché - se confermato - rappresenterebbe un punto di svolta fondamentale nelle sorti dell'inverno.

Non dobbiamo farci illusioni, questo è evidente, ma negli ultimi anni alcuni meccanismi ampiamente documentati dalle varie pubblicazioni in materia stanno evidenziando variazioni al tema. Il motivo non lo sappiamo, sicuramente verrà studiato, l'unica cosa che possiamo dirvi - lo abbiamo scritto più e più volte - è che la meteorologia non è una scienza esatta. E mai lo sarà.

VORTICE POLARE tiene INVERNO in GABBIA, attendendo NOVITA' di fine gennaio

Pubblicato da Alessandro Arena

Inizio Pagina