Meteo Giornale » Archivio » News Meteo »

Germania alle prese con una forte SICCITA'

La Germania potrebbe proiettarsi verso la terza estate di siccità di fila. E' il monito lanciato dai meteorologi tedesche in virtù di quanto sta accadendo negli ultimi mesi.

immagine 1 articolo germania alle prese con una forte siccita

Le foreste sono state minacciate dalla scaristà di precipitazioni e si registrano molte patologie vegetali. I dati di aprile, relativi ad aprile 2020, il fiume Reno è sceso talmente tanto ostacolando il traffico delle navi mercantili in tutto il paese. Se a maggio non dovesse piovere adeguatamente, alcuni meteorologi ritengono che l'industria agricola del paese potrebbe affrontare gravi problemi.

Le prime, intense NEVICATE in Australia

Le condizioni di siccità della primavera del 2020 arrivano dopo mesi decisamente miti come dicembre, gennaio e febbraio. Pensate che in alcune aree non piove da metà marzo e secondo il servizio meteorologico tedesco aprile 2020 è stato il mese più soleggiato di aprile e il terzo più secco mai registrato. La pioggia dovrebbe ripresentarsi in questi giorni, ma potrebbero non bastare per compensare il deficit precipitativo.

La mappa che alleghiamo mostra l'umidità del suolo di aprile, una mappa che evidenzia appunto come la quantità di umidità del suolo rispetto alle serie storiche sia inferiore al normale su gran parte della Germania.

Le mappe si basano sui dati del progetto GRACE-FO (Gravity Recovery and Climate Experiment Follow On), costituito da una coppia di satelliti che rileva il movimento dell'acqua in base alle variazioni del campo di gravità terrestre. GRACE misura lievi variazioni di gravità di mese in mese.

Le variazioni nella topografia terrestre o nelle maree oceaniche cambiano la distribuzione della massa terrestre; l'aggiunta o la sottrazione di acqua in varie regioni cambia anche il campo di gravità. Questi dati sono integrati con altre osservazioni in un modello numerico di processi idrici ed energetici sulla superficie terrestre.

Pubblicato da Ivan Gaddari

Inizio Pagina