Meteo Giornale » Archivio » Sotto la lente »

Europa al freddo e Italia bersaglio del maltempo. Trend meteo invernale

immagine 1 articolo europa al freddo italia bersaglio maltempo meteo invernale

Correnti fredde polari marittime sono state responsabili del recente forte abbassamento termico in Italia e della neve che ha imbiancato i rilievi alpini, appenninici e della Sardegna. Il flusso freddo interessa gran parte dell'Europa Centro-Occidentale, mentre aria più calda risale ad est.

Freddo più intenso lo ritroviamo sulla Scandinavia, specie sui settori centro-settentrionali dove affluiscono masse d'aria più gelide dall'Artico Russo. Se badiamo a quel che avviene in Europa, sembra realizzarsi una rapida progressione verso scenari di freddo anticipato.

Continuerà a far FREDDO

Questo quadro così invernale è destinato a ridimensionarsi nei prossimi giorni almeno sull'Italia, a seguito dell'approfondirsi di un ciclone prima in Sardegna e poi a ridosso della Sicilia, che richiamerà correnti molto più temperate ed umide afromediterranee.

L'area ciclonica tenderà ad isolarsi tra martedì e mercoledì, senza più essere alimentata dagli apporti d'aria polare nord-atlantica. Questo porterà il freddo a stemperarsi, ma in compenso avremo maltempo e rischio di violenti nubifragi soprattutto al Sud Italia.

Cronaca di un Inverno che sta per cominciare

Subito dopo metà settimana l'aria fredda d'origine polare marittima, in seno ad una saccatura con perno sul Regno Unito, tornerà a sbarcare verso la Spagna ed il Mediterraneo Occidentale, pilotando un nuovo impulso perturbato verso l'Italia e agganciando la depressione ancora presente sull'Italia.

Si ricostruirà lo schema barico attuale, con la vasta saccatura perturbata nord-atlantica protesa fin sul Mediterraneo che rinnoverà il transito di nuovi impulsi perturbati in serie, che stavolta colpiranno maggiormente l'Italia Centro-Settentrionale.

Le temperature torneranno a calare in Italia sui livelli attuali, se non anche inferiori sul finire della prossima settimana, con la neve che tornerà a cadere a quote più basse non solo sulle Alpi, ma anche in Appennino. Ritroveremo un contesto perturbato dai connotati invernali.

La brusca sterzata meteo stagionale, realizzatasi negli ultimi giorni, sembra destinata a proseguire ancora a lungo con pioggia, neve e ancor più freddo fin sul cuore del Mediterraneo. Dopo tutto il caldo anomalo, l'inverno parrebbe voler anticipare i tempi.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina