Meteo Giornale » Archivio » Curiosità »

L'acqua calda congela prima di quella fredda? Incredibile, ma vero

immagine 1 articolo acqua calda congela prima di quella fredda incredibile Esperimento con effetto Mpemba: l'acqua calda contenuta in un thermos, se lanciata in aria in un ambiente molto freddo, ghiaccia all'istante prima di toccare terra

Sembra un paradosso, perchè a chiunque verrebbe naturale pensare il contrario di ciò che accade veramente. Quella che apparentemente potrebbe sembrare la risposta giusta, alla domanda del titolo, in realtà è quella errata: l'acqua calda si congela prima dell'acqua fredda.

Non si tratta, badate bene, di una scoperta fatta in tempi recenti, ma piuttosto di un qualcosa che era già noto nell'antichità fin dal IV secolo A.C. quando fu sperimentato da Aristotele. Tra l'altro si tratta di un fenomeno fisico che ha anche un nome: trattasi dell'effetto Mpemba.

Arcobaleno quadruplo in cielo: è davvero possibile vederlo oppure no?

Questo effetto è infatti tornato oggetto di studio molto più di recente alla fine degli anni '60 quando Erasto Mpemba, in una lezione al suo insegnante, spiegò che l'acqua calda congelava prima di quella fredda. Il professore Osborne provò l'esperimento a casa e notò che l'osservazione di Mpemba era corretta.

L'effetto Mpemba precisamente è quel fenomeno per cui, esposta alla stessa temperatura esterna, una stessa quantità di acqua calda solidifica prima di quella fredda. Sebbene l'effetto Mpemba sia reale, si è sempre faticato a dare una spiegazione scientifica soddisfacente per il fenomeno.

Scovato pezzo di ghiaccio di due milioni di anni fa. Svelerà segreti clima

Recentemente un gruppo di ricercatori dell'Università Carlos III di Madrid, dell'Università di Extremadura e dell'Università di Siviglia sono riusciti a spiegare scientificamente cosa accade. Non solo, sono stati in grado di dimostrare anche il contrario, ovvero che l'acqua fredda può essere scaldata prima (Mpemba inversa).

Il team ha verificato che il fenomeno si verifica nei fluidi granulari, cioè quelli che sono composti da particelle molto piccole che interagiscono tra loro, perdendo parte della loro energia cinetica. A tale scopo, hanno eseguito simulazioni su un computer per sapere come e quando si verifica l'effetto Mpemba.

La condizione in cui l'effetto è più facile da osservare è quella in cui le velocità delle particelle prima del riscaldamento o del raffreddamento hanno una certa disposizione; ad esempio, con una grande dispersione attorno al valore medio.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina