Meteo Giornale » Archivio » Meteo Amarcord »

7, 8 e 9 Aprile 2003: GELO tardivo e NEVE, prima della famosa estate record

La primavera è la stagione degli sbalzi e lo stiamo sperimentando anche quest'anno, con il freddo tardivo che è venuto a farci visita fra fine marzo e inizio aprile, prima di cedere spazio ad un'attuale fase da primavera inoltrata.

immagine 1 articolo aprile 2003 gelo tardivo e neve storica Credit AdobeStock.

Il freddo talvolta giungere ancora più tardivo e possiamo citare come esempio il 2001, che vide addirittura un anticipo d'estate a fine marzo e poi il grande freddo irrompere in pieno aprile, prima nel periodo di Pasqua e poi addirittura verso fine mese, nel weekend del 21/22 aprile 2001.

Aprile 2015, la NEVE a quote molto basse in piena primavera fin dopo Pasqua

Da ciò si evince che non sono certo così rari gli intensi colpi di coda invernali in pieno aprile. Quasi tutte le tardive e più intense ondate gelide d'aprile si sono verificate nelle prime due decadi del mese. Fra le situazioni di maggiore rilievo, va citata quella del 17-18 aprile 1991 con la neve al Nord.

Resta però assolutamente di portata storica anche l'eccezionale ondata di freddo e neve del 7, 8 e 9 aprile 2003, quando l'Italia fu interessata da un'intensa irruzione artica, con le regioni centro-meridionali adriatiche che vennero addirittura imbiancate fin sulla costa

Aprile ed i ritorni di GRANDE FREDDO. Casi meteo storici di GELO tardivo

Per effetto di un'intensa ondata di freddo dalla Russia, la neve cadde fin sulla costa con accumulo soprattutto in Molise e Puglia, ma furono molto ingenti le nevicate anche in Appennino. Oltre a Bari e Termoli, persino città come Brindisi e Lecce furono colpite da fioccate del tutto insolite per il periodo.

immagine 2 articolo aprile 2003 gelo tardivo e neve storica

Le temperature scesero in picchiata, con gelate diffuse e tardive che causarono gravi danni al settore agricolo. Al Nord le minime raggiunsero punte fino a -5 in pianura e anche meno, complici gli ampi rasserenamenti e l'effetto dell'aria continentale.

Il picco di gelo interessò gran parte dell'Europa Carpatico-Danubiana ed i Balcani (come evidente dalla mappa sopra delle anomalie termiche in quota a 850 hPa), a conferma di un grande episodio invernale. E dire che poi, poche settimane dopo, iniziava un lungo periodo caldo culminato nella rovente estate 2003.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina