Meteo Giornale » Archivio » Meteo Amarcord »

I Giorni della Merla di fine gennaio 1999: BUFERE di NEVE e SUPER GELO

immagine 1 articolo giorni della merla di fine gennaio 1999 bufere di neve gelo

Il 29, il 30 ed il 31 gennaio sono considerati, secondo un'antica tradizione, i più freddi dell'anno. In questi stessi giorni di oltre vent'anni fa un'intensa ondata di gelo investì l'Italia. In quell'occasione il proverbio venne pienamente rispettato.

Quest'anno non andrà certo così, ma in effetti le grandi ondate di freddo a fine gennaio sono divenute sempre meno frequenti. Il caso più celebre degli ultimi decenni di cui si ricorda è proprio quello della fine di gennaio del 1999.

GIORNI DELLA MERLA più freddi dell'anno? Vediamo se è davvero così

Le premesse, allora, erano tutt'altro che favorevoli all'arrivo della neve: il mese di gennaio 1999 si presentò in gran parte stabile e soleggiato con periodi anche molto miti a causa di correnti calde che alimentarono un promontorio anticiclonico nord-africano.

All'improvviso, verso fine mese cambiò davvero tutto in modo repentino, con il rallentamento del Vortice Polare! Una potente irruzione artico-continentale siberiana gelò una gran parte dell'Europa centro-orientale e meridionale, piombando con moto retrogrado fin sul cuore del Mediterraneo e sull'Italia.

La GRANDE NEVE di fine gennaio 2006 sul Nord Italia

Il nucleo gelido diede infatti vita ad una ciclogenesi che durò anche per i primi giorni di febbraio, con nevicate diffuse e copiose al Centro-Sud e sulle Isole. La neve imbiancò quasi tutte le coste dell'Adriatico dalla Romagna alla Puglia, il litorale ionico.

Ben più eccezionale furono le nevicate all'estremo Sud e sulle due Isole Maggiori. La neve sfondò in taluni casi fin sulla costa anche sull'est della Sardegna e sul nord della Sicilia, facendo una breve comparsa persino a Palermo.

immagine 2 articolo giorni della merla di fine gennaio 1999 bufere di neve gelo

La mappa in alto mostra le forti anomalie termiche negative in Europa fra il 30 gennaio ed il 2 febbraio, dalla quale possiamo notare la traiettoria della colata d'aria gelida con un ponte di collegamento diretto dalla Siberia all'Italia.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina