Meteo Giornale » Archivio » Sotto la lente »

Febbraio e la SVOLTA METEO verso l'Inverno

immagine 1 articolo febbraio e la svolta meteo verso inverno

E' l'ultima spiaggia, c'è poco da aggiungere. Guardiamo al mese di febbraio con un po' di ottimismo in più, ottimismo che arriva da un'attenta analisi delle dinamiche meteo climatiche esposte dai modelli fisico matematici.

Come saprete il Vortice Polare ha raggiunto picchi record, una forza insolita che lo ha portato a raggiungere picchi di velocità zonali stratosferiche che non si vedevano da oltre 40 anni. Inutile stare qui a discutere sulle cause di tutto ciò, servirebbe un trattato di climatologia. Ciò che importa è il risultato, ovvero la mancanza dell'Inverno non soltanto in Italia ma su gran parte d'Europa.

Meteo invernale: attenzione a FEBBRAIO

Ma con febbraio, si sa, la radiazione solare inizia a crescere anche sul Polo Nord e ciò si traduce in un progressivo riscaldamento che parte proprio dai piani più alti della colonna atmosferica. Dalla stratosfera quindi. Sarà anche per questo motivo che dalle mappe è possibile evincere importanti riscaldamenti, ovvero disturbi crescenti alla stabilità del Vortice stesso.

E' un fatto assolutamente normale, con l'incedere della stagione il progressivo riscaldamento della stratosfera porterà il Vortice Polare al collasso e la sostituzione con un campo di Alta Pressione polare. Ma qualora il doppio riscaldamento stratosferico dovesse risultare più incisivo del previsto, la destrutturazione del Vortice potrebbe avvenire anche prima.

Ma basta! Ma che Inverno è? Deve cambiare subito!

Manovre che andranno costantemente monitorate, ma sappiate che si sta parlando della seconda decade di febbraio. Potremmo salvare l'inverno in extremis e occhio alle sorprese, perché date le anomalie che stiamo registrando eventuali irruzioni fredde potrebbero realmente assumere caratteristiche di eccezionalità.

A nostro avviso, al momento, le ipotesi in campo sarebbero due: irruzione artica molto potente o addirittura un'irruzione artico continentale a causa della nascita di un'Alta Pressione tra la Scandinavia e la Russia europea. Queste, secondo noi, le due strade percorribili a partire dal 10 febbraio o giù di lì.

Ovvio che con una condizione di partenza quale quella attuale stiamo parlando di ipotesi con bassa probabilità di realizzazione, ma visto che è l'inverno delle ipotesi minoritarie chissà che anche stavolta non sia la soluzione apparentemente meno probabile a prevalere sulle altre.

Pubblicato da Alessandro Arena

Inizio Pagina