Meteo Giornale » Archivio » Focus Clima »

CLIMA EUROPA: prosegue il gennaio TERRIBILE, con CALDO da RECORD

immagine 1 articolo clima europa prosegue il gennaio terribile con caldo da record

L'andamento climatico folle non accenna a mostra alcuna inversione dmarciai in quello che è un mese di gennaio totalmente anomalo, a causa di un Vortice Polare troppo forte, che trattiene le masse d'aria gelida attorno all'Artico.

Ne derivano temperature eccessivamente alte per il periodo in quasi tutta Europa, specie alle medie e alte latitudini laddove il flusso mite zonale scorre velocissimo, senza lasciare granchè spazio alle incursioni d'aria fredda in discesa meridiana.

Scandinavia, è già PRIMAVERA? Raggiunte temperature incredibili

Il quadro dei primi 20 giorni di gennaio mostra appieno tutta l'anomalia sull'Europa Centro-Settentrionale, con temperature di svariati gradi al di sopra della norma. In un'ampia fetta del Continente l'inverno sta lasciando davvero molto a desiderare.

La situazione peggiore, in tal senso, risulta essere tra la Finlandia, la Russia e la Siberia con temperature da inizio mese anche di oltre 10 gradi sopra la media. Non ci sono cambiamenti nemmeno in questa fase, con anzi un super anticiclone mite in quota a fare assolutamente da notizia.

Helsinki, meteo invernale assurdo, il mese di gennaio più caldo di sempre

L'Italia, così come parte delle altre nazioni affacciate sul Mediterraneo, fa un po' eccezione con temperature localmente inferiori alla media. In particolare il nostro Paese appare diviso tra il Nord con clima perlopiù mite e il Centro-Sud con valori localmente inferiori al normale.

Tuttavia, queste locali anomalie termiche negative si spiegano con la persistente presenza del campo anticiclonico, che ha favorito freddo da inversione e valori minimi piuttosto bassi in genere favoriti dai cieli sgombri da nubi.

Per trovare freddo più importante, bisogna andare sul Nord Africa. Sembra paradossale, ma il tutto è frutto della stessa grande anomalia circolatoria responsabile del caldo alle alte latitudini d'Europa. Sacche d'aria fredda si sono infatti radicate sui paesi nord-africani e sul Vicino Oriente.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina