Meteo Giornale » Archivio » Facciamo il Punto »

DIRETTA meteo: Vortice Polare fortissimo verso Europa e Nord America

Ci siamo: i modelli matematici di previsione meteo iniziano a intravedere sempre più probabile che un'ansa del Vortice Polare spinga le sue propaggini sino all'Europa. L'evento atmosferico è collegato alla modifica della forma del Vortice Polare il quale da una circolazione concentrica sta migrando verso una ellittica.

immagine 1 articolo diretta meteo vortice polare fortissimo verso europa e nord america

Ed è proprio questa novità a generare l'imminente ondata di freddo sul Nord America, area esposta alle mutazioni del Vortice Polare, mentre in Europa l'influenza fredda della variazione di circolazione dovrebbe venire più tardi. In Europa ci sono sensibili sbalzi di forza dell'anticiclone che da poco prima di Natale si è stabilito nel nostro Continente.

Il Vortice Polare, quando è molto attivo come in questa fase, si estende verso l'Islanda e si congiunge con la depressione islandese. Questa è divenuta intensissima, con minimi di pressione particolarmente profondi che stanno generando venti di uragano su un'ampia area marina tra l'Islanda e le Isole Britanniche.

Ed è proprio la depressione d'Islanda a generare una crisi dell'alta pressione europea, tanto che gli addensamenti nuvolosi presenti nel nostro Paese sono dovuti a una criticità dell'anticiclone.
Ma non solo sul finire della settimana si potrebbe formare un'area ciclonica in transito sul Nord Italia, che provocherebbe precipitazioni anche nevose sino a quote medio-basse.
Ma ancora, e ciò sarà decisamente da confermare, sarà sempre dovuta alla criticità del Vortice Polare, la formazione proposta dai calcolatori di un'area di bassa pressione discretamente profonda sul Mediterraneo centrale durante la settimana prossima, che dovrebbe portare maltempo dalla Sardegna verso la Penisola italiana.

Ancora: i modelli matematici di previsione prospettano una sorta di fluttuazione della circolazione atmosferica del Vortice Polare, la quale con le sue anse favorirebbe lo spostamento dell'alta pressione addirittura verso le Isole Britanniche, poi forse ancora più a nord, e quindi spianare la strada ad una irruzione d'aria fredda di origine artico marittima verso l'Europa, che si potrebbe verificare ancora più avanti.
Purtroppo qui andiamo su uno spazio di previsioni difficili da delineare, in quanto i modelli matematici variano sensibilmente la linea di tendenza.

La scarsa affidabilità di previsione sul lungo termine di questa fase, è dovuta alla dinamicità eccessiva del Vortice Polare, il quale sta fluttuando su stesso, generando delle anse che sono causa di aree di bassa pressione e anticicloni la cui predicibilità temporale è scarsa.
La corrente molto stretta attorno al Vortice Polare riduce l'influenza delle aree di basse pressioni verso latitudini medie come l'Italia, così anche il Nord America che è ben esposto alle mutevolezza meteo polari.

Continuano quindi le tempeste di neve fortissime attorno al Mar Glaciale Artico, soprattutto in prossimità delle aree marittime, al di fuori della banchisa Polare, dove si formano profonde aree di bassa pressione che attingono umidità dal mare e generano nelle terre emerse grandi nevicate.
Ancora forti nevicate si stanno verificando su alcune aree meridionali della Groenlandia, d'Islanda, della Scandinavia, e in in ampie aree dell'Artico Russo, oltre che nell'estremo nord del Canada.

Il Vortice Polare favorisce la vitalità anche di aree di alta pressione alle medie latitudini. Queste le troviamo sparse per tutto l'Emisfero settentrionale.

L'anomalia del Vortice Polare sta generando delle criticità climatiche, in molti aree del Nord Emisfero ci sono temperature decisamente superiori alla media che stanno favorendo precoci fioriture delle piante. Altrove si parla di improvvise ondate di freddo con neve laddove il clima dovrebbe essere decisamente più mite. Nella fattispecie si parla dei monti dell'Arabia Saudita, rappresentati questi giorni da immagini sotto le nevicate nel deserto. Però da quelle parti d'inverno si verificano quasi ogni anno nevicate, essendo soggette a forti sbalzi termici, con perturbazioni provenienti dalle regioni a clima fortemente continentale, che inviano impulsi perturbati e freddi.
Per la cronaca, la neve che fa tanto scalpore è caduta esclusivamente in montagna, non di certo a basse quote. La neve ha imbiancato anche il famoso Monte Sinnai in Egitto.

In conclusione: il Vortice Polare farà parlare di se moltissimo, sarà lui il protagonista meteo delle prossime settimane. Ancora ad oggi non si rilevano previsioni di uno suo Split, che allevierebbe la sua intensità, e potrebbe darci indicazioni di imminenti ondate di gelo sparse nel nostro Emisfero. Più tardivo sarà il fenomeno, più a rischio ondate di freddo sarà il meteo primaverile, ciò come statistica, poi potrebbe anche non esservi alcuno Split Polare, e poi innocue ondate di freddo primaverili, ma è difficile fare ipotesi, se non impossibile.

Ci aggiorneremo con i prossimi appuntamenti.

Rammentiamo che le previsioni meteo con validità sino a 5 giorni hanno una maggiore affidabilità, mentre questa decresce man mano che ci allontaniamo nel tempo.

LINK rapido alle PREVISIONI METEO dei capoluoghi di regione d'Italia, oppure vai su CERCA la tua localita' nel campo form in alto alla pagina.

Rammentiamo che le previsioni meteo con validità sino a 5 giorni, hanno una maggiore affidabilità, mentre questa decresce man mano che ci allontaniamo nel tempo.

- ANCONA
- AOSTA
- BARI
- BOLOGNA
- CAGLIARI
- CAMPOBASSO
- CATANZARO
- FIRENZE
- GENOVA
- L'AQUILA
- MILANO
- NAPOLI
- PALERMO
- PERUGIA
- POTENZA
- ROMA
- TORINO
- TRENTO
- TRIESTE
- VENEZIA

Pubblicato da Federico De Michelis

Inizio Pagina