Meteo Giornale » Archivio » Meteo Amarcord »

Memorabile BLIZZARD del 13 dicembre 2001: la TEMPESTA DI NEVE perfetta

immagine 1 articolo blizzard del 13 dicembre 2001 la tempesta di neve perfetta

Quella del 13 dicembre 2001 è una data che per molti è rimasta impressa indelebile nella mente. Risale a quel giorno la bufera di neve e vento che investì un po' tutta la Val Padana da est verso ovest, per alcune ore fino alla notte tra il 13 e il 14 dicembre.

Possiamo definire tale evento come blizzard, ma non propriamente come burian. Le bufere di neve furono eccezionali, visto che in genere le nevicate in Val Padana si verificano per addolcimento e non per irruzione gelida, come invece accadde in questo caso.

NEVE per l'Immacolata: ecco cosa accadde nel 2012. Avvio inverno col botto

Quasi tutta la Val Padana venne investita da rovesci di neve in forma di bufera, per il passaggio retrogrado di un nocciolo d'aria molto fredda d'estrazione siberiana, giunta dal comparto balcanico-danubiano. Così appariva la Val Padana 4-5 giorni dopo l'evento, come mostra l'immagine qui sotto.

immagine 2 articolo blizzard del 13 dicembre 2001 la tempesta di neve perfetta

NEVE SU ROMA a Dicembre? Solo un sogno, ma in passato è capitato più volte

Le bufere di neve non furono così straordinarie per la quantità di neve caduta (in genere quasi ovunque non si andò oltre i 10-15 centimetri di accumulo), ma per la qualità della stessa neve, molto polverosa, grazie al gelo intenso con le temperature decisamente al di sotto dello zero.

L'evento fu da manuale, ribattezzato come la classica tempesta invernale perfetta! La traiettoria di quest'irruzione d'aria gelida rimase estremamente incerta fino all'ultimo, tanto che anche sul resto d'Italia gli appassionati meteo si erano illusi di poter vivere un evento storico, che poteva imbiancare città e coste.

Eppure tutte le tendenze stilate 10-15 giorni prima preannunziavano la possibile intrusione, fino alle nostre latitudini, del nocciolo d'aria freddissima d'estrazione artico-siberiana. Dopo aver coinvolto il Nord e la Regione Alpina, il nocciolo gelido slittò verso la Francia meridionale e l'area pirenaica.

La neve fu accompagnata da sferzanti raffiche di vento, come accade in genere sulle steppe russe. Un autentico blizzard, tanto il vento batteva così forte da impedire il camminare, il rumore del vento ululava, la neve si poggiava nelle palpebre: sembra davvero storia d'inverni d'altri tempi.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina