Meteo Giornale » Archivio » Sotto la lente »

Possibile NEVE a bassa quota entro metà della prossima settimana

immagine 1 articolo possibile neve a bassa quota entro meta della prossima settimana

Cominciamo a parlare di freddo. Non un freddo eclatante, all'orizzonte - almeno per il momento - non c'è un cambiamento meteo climatico così marcato. Ma possiamo dirvi, senza paura di smentita, che dicembre sta per "comportarsi da dicembre".

Andiamo con ordine: il riassetto barico europeo, più in generale emisferico, sta facendo registrare pesanti cambiamenti. Cambiamenti che, chi ci segue giornalmente lo sa, dipendono da come il Vortice Polare va a disporsi. Ma al di là dei tecnicismi, ciò che più importa è il risultato. Un risultato che dovrebbe garantirci temperature tutto sommato in linea con le medie climatiche di riferimento e ulteriore precipitazioni (seppur non con la violenza del mese del scorso).

Meteo Italia: GROSSE NOVITÀ dopo l'Immacolata

Dinamicità quindi, questa la parola d'ordine. Aspettiamoci il passaggio di vari impulsi freddi di origine polare e capiamoci, quando si parla di aria polare marittima ci stiamo riferendo a masse d'aria provenienti di solito dal nord Atlantico. Freddo sì, ma nella norma. Ciò non toglie, carte alla mano, che in presenza di temperature prossime o leggermente al di sotto delle medie possano verificarsi nevicate a bassa quota. Dove? Scopriamolo.

Anzitutto stiamo facendo riferimento alle previsioni per la prima metà della prossima settimana, quindi subito dopo il weekend dell'Immacolata. Dopodiché proviamo a concentrarci sulle tempistiche, che arrivati a questo punto sembrano abbastanza affidabili. A cavallo tra lunedì e martedì una massa d'aria fredda dovrebbe addossarsi alle Alpi, penetrando inizialmente dalla Valle del Rodano e successivamente dalla porta della Bora. Significa che il freddo aggirerà l'ostacolo alpino, anche perché nel frattempo la propaggine orientale dell'Alta Pressione delle Azzorre - addossata alla Penisola Iberica - si estenderà verso Levante.

RIBALTONE METEO imponente. Ecco quando arriveranno FREDDO e NEVE sull'Italia

Le precipitazioni dovrebbero manifestarsi con forza sui settori alpini settentrionali, ovviamente stiamo parlando di neve copiosa, nella giornata di lunedì. A seguito dei forti venti nordoccidentali ci saranno nubi localmente compatte tra Sardegna e coste tirreniche centro meridionali. Non è esclusa qualche pioggia, anche a carattere di rovescio.

Martedì l'aria fredda aggirerà le Alpi e come detto entrerà da nordest affluendo con più vigore e facendo calare ulteriormente le temperature. In questo caso le precipitazioni dovrebbero manifestarsi sulle centrali adriatiche e al Sud, con nevicate che potrebbero spingersi attorno ai 600-700 metri sull'Appennino centrale e attorno ai 900-1000 sull'Appennino meridionale. Si tratterà, chiaramente, delle prime nevicate a bassa quota.

Meteo più invernale, prospettive di calo FREDDO in aumento

LINK rapido alle PREVISIONI METEO dei capoluoghi di regione d'Italia, oppure vai su CERCA la tua localita' nel campo form in alto alla pagina:

- ANCONA
- AOSTA
- BARI
- BOLOGNA
- CAGLIARI
- CAMPOBASSO
- CATANZARO
- FIRENZE
- GENOVA
- L'AQUILA
- MILANO
- NAPOLI
- PALERMO
- PERUGIA
- POTENZA
- ROMA
- TORINO
- TRENTO
- TRIESTE
- VENEZIA

Pubblicato da Ivan Gaddari - Chi Siamo

Inizio Pagina