Meteo Giornale » Archivio » Previsioni Meteo Lungo Termine »

Meteo al 24 Luglio, cambia di nuovo tutto: rischio CALDO africano

immagine 1 articolo meteo cambia verso caldo africano

POSSIBILE EVOLUZIONE METEO SINO AL 24 LUGLIO

In questo periodo osservare i modelli matematici di previsione può riservare sorprese da un giorno all'altro. Appurato che all'inizio della prossima settimana avremo un peggioramento delle condizioni meteo, oltre ovviamente a una decisa rinfrescata, le proiezioni a lungo termine evidenziano un possibile rinforzo dell'Alta Pressione.

Meteo 7 giorni: instabilità in crescendo, nuovi TEMPORALI anche forti

Alta Pressione che trarrebbe linfa vitale da una depressione atlantica in approfondimento a ridosso dell'Europa occidentale, ciò starebbe a significare che la struttura anticiclonica potrebbe avvalersi per l'ennesima volta di un contributo d'aria assai calda di matrice africana.

Caldo quindi, non eccezionale ma caldo. Quanto basterebbe a innescare per l'ennesima volta temperature superiori alle medie stagionali.

Minimo Solare concausa del meteo estremo. Riflessi su Inverno

IL METEO A BREVE TERMINE

Come detto qualcosa sta già cambiando e quanto accaduto negli ultimi giorni è sicuramente un segnale preoccupante. Quando fa troppo caldo al minimo spiffero d'aria fresca succede il finimondo. Ma ne abbiamo già parlato, ora dobbiamo proiettarci ai prossimi giorni perché le previsioni meteo confermano il passaggio di un nucleo d'aria fresca e instabile.

Nuova violenta ondata di caldo? Novità meteo fine luglio

Dovrebbe avvenire nella prima metà della prossima settimana, a cavallo tra le giornate di lunedì e martedì. E' evidente che una simile situazione non può far altro che dar luogo a una crisi temporalesca importante. Crisi che dovrebbe riguardare nuovamente il Nord e le regioni del Centro Sud, in specie i versanti orientali.

Le temperature, altro aspetto importante, caleranno ovunque e caleranno di parecchi gradi anche perché dovrebbero soffiare venti sostenuti dai quadranti settentrionali.

L'eccezionale meteo di Giugno 2019: caldo record anche in Polonia

ALTA PRESSIONE NON DEMORDE

Abbiamo scritto più e più volte che l'alta pressione si sarebbe defilata a ovest ma non avrebbe abbandonato definitivamente l'Europa sudoccidentale. In effetti è proprio così, rimarrà ostinatamente arroccata sulla Penisola Iberica e non appena ne avrà modo si getterà di nuovo nel Mediterraneo.

Meteo Italia: temperature giù di 10 gradi. Ma il CALDO estremo è dietro l'angolo

Potrebbe accadere dopo il 20 luglio, allorquando - questa è la novità sostanziale di oggi - i modelli matematici di previsione ipotizzano l'affondo di una depressione atlantica a ovest dell'Europa occidentale. Se così fosse, ovviamente, l'Alta Pressione tornerebbe a farci sentire il calore africano.

ALTRE IPOTESI

Freddo artico in piena estate: l'incredibile meteo del Luglio 2000

Al momento dobbiamo dirvi che il rinforzo dell'alta pressione rappresenta l'ipotesi prevalente. Tuttavia non è ancora detta l'ultima parola, basterebbe poco a far sì che la depressione atlantica penetri sull'Europa occidentale portando scompiglio sin sulle nostre regioni.

Dipenderà da una serie di fattori che andremo a valutare in corso d'opera, quindi per oggi accontentiamoci di sapere che potrebbe esserci una via alternativa a quella africana.

Meteo weekend: TEMPERATURE di nuovo in calo, ma non ovunque

IN CONCLUSIONE

C'è poco da aggiungere, se non che stiamo andando incontro al primo break dell'Estate ma come ricordato più volte non si sarebbe trattato di una crisi stagionale. Estate che potrebbe riprendersi subito, con la speranza ovviamente che non sia eccessivamente cattiva ma un po' più umana.

LINK rapido alle PREVISIONI METEO dei capoluoghi di regione d'Italia, oppure vai su CERCA la tua localita' nel campo form in alto alla pagina:

- ANCONA

- AOSTA

- BARI

- BOLOGNA

- CAGLIARI

- CAMPOBASSO

- CATANZARO

- FIRENZE

- GENOVA

- L'AQUILA

- MILANO

- NAPOLI

- PALERMO

- PERUGIA

- POTENZA

- ROMA

- TORINO

- TRENTO

- TRIESTE

- VENEZIA

Pubblicato da Ivan Gaddari

Inizio Pagina