Meteo Giornale » Archivio » Sotto la lente »

METEO estremo con GRANDINATE impressionanti. Alto rischio anche di TORNADO

immagine 1 articolo meteo estremo grandinate impressionanti rischio tornado La proiezione di fenomeni meteo estremi per oggi, 10 luglio. Outlook previsionale by Severe Weather Europe.

Le ultime 24 ore hanno visto una situazione meteo davvero campale su molte regioni d'Italia, per il susseguirsi di temporali e nubifragi di portata davvero estrema. A farne le spese soprattutto le regioni adriatiche, dove si sono abbattuti veri e propri fortunali.

Le ultimissime ore sono addirittura da meteo sconvolgente. Nuove grandinate apocalittiche hanno stavolta colpito l'Abruzzo, senza risparmiare Pescara producendo danni immensi e ferendo persino decine di persone, che sono dovute ricorrere alle cure del Pronto Soccorso. Quest'area era considerata ad alto rischio per il possibile sviluppo di violenti temporali.

Meteo da incubo sulle coste adriatiche, tornado e nubifragio a Milano Marittima

Il meteo estremo odierno andrà avanti ancora per le prossime ore e l'attenzione è massima per fenomeni violenti sulla Puglia. L'area di massimo rischio (risulta quella tratteggiata nella cartina sopra), tra Puglia, Basso Adriatico ed Albania, contempla il possibile sviluppo di supercelle temporalesche e possibilmente anche tornado.

Tra ieri e oggi delle trombe d'aria hanno colpito alcuni tratti del Mar Adriatico. Uno di questi turbini ha raggiunto la terraferma, divenendo brevemente tornado e producendo grossi danni nella località di Milano Marittima, in Romagna.

L'estremizzazione meteo climatica è arrivata anche in Italia

Evidentemente si doveva mettere in conto quest'escalation temporalesca di tale potenza. La causa la si trova nel lungo periodo di caldo che ci stiamo lasciando alle spalle, con l'accumulo di energia e calore nei bassi strati che ora è esplosa dinanzi all'ingresso di aria ben più fresca dal Nord Europa.

Ebbene, quello delle ultime settimane non è certo stato un caldo normale! Prima in alcune parti d'Europa e poi anche in Italia abbiamo registrato temperature da record. La maggiore anomalia è però stata la persistenza del caldo, che si è protratto per settimane.

Inizialmente, almeno in Italia, gli effetti del caldo erano stati limitati da un mare molto freddo, grazie al mese di maggio anomalo in senso opposto per le basse temperature. Il lungo periodo di caldo ha completamente ribaltato le anomalie d'inizio estate, con le temperature marine salite ben oltre la norma.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina