Meteo Giornale » Archivio » Meteo Curiosità »

Il mistero delle nubi nottilucenti, un fenomeno legato ai cambiamenti meteo-climatici?

immagine 1 articolo mistero nubi nottilucenti cambiamenti meteo clima

CLIMA E METEO: le nubi nottilucenti, sono nuvole luminose che illuminano il cielo nel tardo crepuscolo, e sono le nubi più alte che si misurano nell'atmosfera terrestre, ad un'altitudine di 75-85 chilometri, ed interessano solitamente le alte latitudini, dai 50 ai 70° sia nell'emisfero nord che in quello sud, e le zone polari, e si formano normalmente nel periodo estivo.

Questo tipo di nuvole è visibile solamente dopo il tramonto, quando i raggi del sole posto al di sotto dell'orizzonte riescono ad illuminarle, e non è facile capire la loro origine.

Se inizialmente si pensava fossero legate alle eruzioni vulcaniche, sappiamo adesso che sono formate da cristalli di ghiaccio, anche se non si comprende bene i meccanismi necessari alla loro formazione.

Sappiamo, però, che la loro prima segnalazione risale al 1885, dopo l'eruzione del vulcano Krakatoa, e che in qualche modo sono legate all'attività solare, in quanto presentano un picco durante i periodi di minimo solare.

Ed è proprio in questo momento che le nubi stanno avendo uno strano comportamento, in quanto nelle ultime due settimane si è formata una gigantesca nuvola aggregata attorno al Circolo Polare Artico, che gira in senso orario attorno al polo in un periodo di 5 giorni.

Si ritiene che siano correlate alle onde planetarie, e forse sono un indicatore di cambiamenti climatici.

Il fatto che siano apparse precocemente sia in Europa che negli Stati Uniti, quest'anno, e che si siano fuse in un aggregato gigantesco, forse indicano un'influenza dei raggi cosmici particolarmente intensi in questo minimo solare molto profondo.

Difficile dire che siano un segnale di un raffreddamento in atto dovuto al minimo solare, questo fenomeno è ancora scarsamente studiato.

Pubblicato da Giovanni De Luca

Inizio Pagina