Meteo Giornale » Archivio » Editoriali Meteo Giornale »

METEO--> FREDDO e NEVE eccezionali. Cosa sarebbe stato in pieno inverno...

immagine 1 articolo meteo freddo e neve eccezionali cosa sarebbe stato in pieno inverno

Un'ondata di freddo intenso s'appresta a dilagare su oltre mezza Europa, portando un colpo di scena meteo davvero clamoroso. Le correnti artiche sfonderanno fin sul Mediterraneo e faranno sentire pienamente i loro effetti anche sull'Italia, con un crollo termico, maltempo e neve a quote bassissime per il periodo.

La massa d'aria giungerà direttamente dal Circolo Polare Artico. Assisteremo ad un vero travaso d'aria dal Polo Nord verso il cuore dell'Europa, in seno ad un nocciolo del Vortice Polare. Tale dinamica è agevolata dall'anomalo spostamento dell'anticiclone atlantico verso nord, con massimi sulla Groenlandia.

Meteo di Maggio da non credere. NEVE a quote bassissime, evento clamoroso

Il flusso freddo, ben organizzato, percorrerà rapidamente da nord verso sud tutta l'Europa Centro-Occidentale, ad eccezione della Penisola Iberica, lungo il bordo orientale dell'anticiclone di blocco in elevazione fino a latitudini molto settentrionali.

Questo farà in modo che l'aria fredda arrivi diretta, senza quindi perdere troppo le proprie caratteristiche originarie. Come detto, la massa d'aria si tufferà sul Mediterraneo dopo aver aggirato la barriera alpina e penetrando in parte della Valle del Rodano ad ovest e dalla Porta della Bora ad est.

Neve a Maggio in collina? Evento meteo eccezionale

Per tale ragione anche in Italia avremo un evento potenzialmente grandioso per il periodo. Volendo immaginare questo schema barico nel periodo di gennaio-febbraio, sarebbe stata probabilmente un'apoteosi di neve fin sulle coste su gran parte dell'Italia Centro-Settentrionale.

Tutto ciò che è mancato in inverno viene a realizzarsi fuori tempo massimo, in questo maggio. Talvolta anche in Estate si sono verificate irruzioni artiche che sarebbero state da favola in inverno, si potrebbero citare il fine giugno del 1995 o ancora metà luglio del 2000.

Ma come è potuto verificarsi un evento così eccezionale a maggio? Ribadiamo che si tratta delle dinamiche collegate al Vortice Polare ed al riscaldamento dell'aria avvenuto in stratosfera, che ha aperto la strada a questa irruzione fredda meridiana tardiva così intensa in tutta Europa.

Lo stratwarming invernale non aveva prodotto effetti, questo primaverile di fine stagione invece tutto l'opposto con la possibilità concreta di un'ondata di freddo che potrebbe passare alla storia, seppure di durata abbastanza breve.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina