Meteo Giornale » Archivio » Editoriali Meteo Giornale »

Le false partenze stagionali, un mito meteo da sfatare

immagine 1 articolo le false partenze stagionali un mito meteo da sfatare

False partenze stagionali, quante volte sono state nominate? Ora sta arrivando la primavera, o meglio, se considerando il meteo sarebbe già arrivata.

Qui viene il bello. Giustamente in tanti chiedete se sia più corretto considerare la convenzione meteorologica (quindi considerare come data d'inizio il 1° marzo) o se sia meglio considerare la data astronomica (quindi l'ultima decade di marzo).

Ondate di caldo da meteo estremo, sempre più frequenti

Quesito che può essere applicato, come ben saprete, a tutte le stagioni. Diciamo questo, che la convenzione meteorologica c'è per facilitare l'uniformità stagionale alle varie latitudini e longitudini. Quindi, non volendo tralasciare questo aspetto sentir parlare di false partenze stagionali potrebbe non avere molto senso. Ci spieghiamo.

Ora siamo a marzo, sta per terminare la prima decade ma nell'immaginario collettivo (giustamente) è ancora Inverno. A questo punto siamo noi che vi facciamo una domanda: giusto parlare di falsa partenza della Primavera? La nostra risposta è ni.

1-2 sonori ceffoni alla sfacciata primavera: meteo ribaltone

Se teniamo conto dell'astronomia allora si potrebbe tranquillamente affermare che la stagione primaverile non è ancora iniziata e che quanto accaduto sinora lo si può considerare come un assaggio della nuova stagione. Ora che il freddo incombe qualcuno parlerà di falsa partenza primaverile, ma sarebbe sbagliato.

Se dovessimo considerare la convenzione meteo allora sì, col ritorno del freddo la falsa partenza stagionale ci starebbe. Ma ci starebbe per i meno esperti in materia, per noi che con la meteo ci lavoriamo quotidianamente non è per nulla strano quel che sta per accadere.

Sappiamo molto bene che la prima parte primaverile può riservare improvvisi colpi di scena. Qualcuno forse si è dimenticato che freddo e neve sono capaci di presentarsi addirittura ad aprile inoltrato. E stiamo parlando di freddo e neve a bassa quota, non in montagna per intenderci.

Quindi, in conclusione. Lasciamo stare le false partenze. Quel che sta accadendo in questi giorni possiamo annoverarlo nella casistica delle prime fasi primaverili. O se preferite degli ultimi scorci invernali.

Pubblicato da Alessandro Arena

Inizio Pagina