Meteo Giornale » Archivio » Sotto la lente »

Meteo d'inverno pronto a tornare la prossima settimana. Freddo e neve

immagine 1 articolo meteo inverno prossima settimana freddo e neve

Dopo la fase meteo nel complesso favorevole del fine settimana, si andrà poi da subito verso un contesto più instabile e turbolento in avvio della prossima settimana, per la discesa di un vortice freddo dal Nord Europa accompagnato da correnti d'origine polare marittima.

Ci sarà quindi un probabile netto calo termico che riporterà sensazioni invernali. In questo frangente sul comparto euro-atlantico l'anticiclone delle Azzorre resterà più defilato ad ovest, limitandosi ad invadere la Penisola Iberica ed elevandosi parzialmente verso nord in Oceano Atlantico.

Meteo estremo, impennata di caldo africano in attesa del freddo polare

In questo contesto, varie perturbazioni nord-atlantiche si dirigeranno verso il Mediterraneo sostenute da correnti nord-occidentali che trasporteranno masse d'aria fredde. Dopo la prima irruzione d'inizio settimana, una seconda invasione d'aria fredda è attesa tra mercoledì 13 e giovedì 14 marzo.

Questi impulsi freddi ed instabili si troveranno ad impattare sulla barriera alpina nel loro percorso. Come spesso accaduto anche nell'arco dell'inverno, questo tipo di circolazione esporrà ad instabilità o maltempo il Centro-Sud, mentre il Nord resterà più al riparo sottovento all'Arco Alpino.

Meteo Marzo, possibili grandi sorprese con gli ultimi ruggiti dell'inverno

Oltre a piogge e qualche temporale, tornerà la neve in Appennino fino a quote medio-basse in occasione delle irruzioni fredde, ma con temperature che subiranno sbalzi in quanto ci saranno transitorie fasi più miti di natura prefrontale.

In questo contesto meteo così mutevole, ci saranno venti a tratti sostenuti, che spireranno da libeccio prima delle perturbazioni, mentre al seguito dei fronti perturbati le correnti spireranno settentrionali. Il vento accentuerà ulteriormente la sensazione di freddo, ma quello atteso sarà il meteo tipico di marzo.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina