Meteo Giornale » Archivio » Clima Italia »

Analisi meteo dell'inverno 2018-2019 in Italia

L'inverno meteorologico 2018-2019 si è concluso ufficialmente il 28 febbraio: cerchiamo di dare una prima analisi meteo sul trimestre freddo, mentre una futura analisi più approfondita sarà pubblicata quando usciranno i report ufficiali dell'ISAC CNR (l'autorevole fonte di ricerca sulle scienze atmosferiche di Bologna).

Da un punto di vista geografico, l'inverno ha avuto due andamenti opposti tra Nord e Sud Italia: al Settentrione frequentemente favonico nella prima parte, freddo intenso solo attorno a metà gennaio e un mese di febbraio estremamente mite e stabile; al Meridione inverno molto vivace, frequentemente freddo, ventoso e con tanti occasione di piogge e nevicate.

Questo perché il meteo è stato caratterizzato da continui fronti da nord: il Nord-ovest (il più penalizzato in assoluto) è stato continuamente sottovento, mentre il Sud è stato molto più esposto ai gelidi venti dai Balcani.

Il risultato è che le anomalie sono state veramente molto forti nel mese di gennaio al Meridione (anche 3 gradi mensili, come non si vedeva da veramente molti anni!) mentre al Settentrione non ci sono stati i mesi freddi: dicembre e gennaio leggermente più caldi mentre febbraio dovrebbe essere stato probabilmente il più caldo di sempre (aspettiamo conferme ufficiali).

immagine 1 articolo analisi meteo dellinverno 2018 2019 in italia

Cartina delle anomalie del geopotenziale a 500 hPa in Europa per il trimestre invernale. Si notano due evidenti anomalie: la prima sull'ovest (Penisola Iberica e Francia) con anticicloni veramente troppo presenti e conseguente mitezza; la seconda sui Balcani e sulla Grecia, con frequentissime nevicate e meteo gelido. L'italia è in una via di mezzo, con due "tagli" diversi tra nord e sud.

Il pattern meteo di questo inverno ricorda in parte quello del 2017, dova il Centro-Sud fu esposto a nevicate eccezionali mentre il Nord fu continuamente interessato da venti di favonio.

Per avere un inverno nevoso al Nord, invece, servirebbe che il flusso zonale sia molto attivo e con frequenti minimi di bassa pressione sul Mar Ligure e sul Tirreno, con un tipo di meteo che penalizzerebbe molto il meridione.

Quindi, in linea generale, non è praticamente mai possibile avere un inverno freddo e nevoso da nord a sud, poiché hanno due tipi di meteo completamente diversi: le uniche e rare eccezioni sarebbero in caso di stratwarming, ma che coinvolgano appieno l'Italia da nord a sud, fatto comunque piuttosto raro.

Pubblicato da Davide Santini

Inizio Pagina