Meteo Giornale » Archivio » Sotto la lente »

Shock meteo in Europa: d'improvviso primavera

immagine 1 articolo shock meteo in europa improvvisamente primavera

E' un cambiamento meteo eclatante, un cambiamento meteo in grado di far gridare all'estremizzazione climatica.

Guardando i modelli viene un po' di paura... un'Alta Pressione così, a fine Febbraio, difficilmente si vede. Un'Alta Pressione incredibile, o meglio, un blocco anticiclonico incredibile che metterà a tacere le perturbazioni atlantiche.

Ahi noi dobbiamo ripeterci, dobbiamo necessariamente riprendere in mano il discorso atmosferico. Perché se è vero che a dicembre fu il riscaldamento della stratosfera a creare sconquasso, ora è vero il contrario. Ora è il raffreddamento, impensabile visto il periodo (solitamente si va incontro all'indebolimento del Vortice Polare), che creerà scompiglio. In che modo?

Il Vortice Polare stratosferico sta riprendendo a girare a mille, quasi fosse inizio inverno. Quando succede, statisticamente, possono verificarsi condizioni estremamente favorevoli ai consolidamenti anticiclonici in Europa. Soprattutto sull'Europa meridionale e nel cuore del Mediterraneo.

Stavolta sarà un'Alta Pressione dominante, un'Alta Pressione capace di imporsi sull'Europa centro occidentale e nel Mediterraneo. E si avvarrà di aria molto mite nord africana, il ché le conferirà fondamenta estremamente solide. Difficile smantellarla.

Nei prossimi giorni, segnatamente a cavallo tra il weekend e la prossima settimana, ci sentirete parlare di primavera europea. Probabilmente sentirete lo stesso discorso nei tg, leggerete articoli in rete, sicuramente percepirete i toni sensazionalistici utilizzati in queste circostanze.

Non che sia sbagliato, capiamoci. Le anomalie termiche che andranno a realizzarsi saranno poderose, saranno incredibili. Non scordiamoci che siamo in Inverno, sta finendo sì, ma febbraio è ancora Inverno. Volendo lo è anche marzo, indi per cui se capitano anomalie come quelle in divenire è bene riportarle e trattarle col giusto piglio.

Poi in Italia potrebbe anche succedere che vi siano dei refoli d'aria fredda, ma questo è un altro discorso. Un discorso che affronteremo eventualmente a tempo debito. Per ora dobbiamo focalizzarci su quanto stiamo osservando a livello modellistico e se le ipotesi modellistiche dovessero realizzarsi bye bye Inverno.

Pubblicato da Alessandro Arena

Inizio Pagina