Meteo Giornale » Archivio » Previsioni Climatiche »

Proiezioni meteo per la primavera: FREDDO o MITE? Le ultimissime

immagine 1 articolo 56170

Marzo, aprile, poi maggio. Sarà la primavera, sarà il meteo capriccioso per antonomasia. A volte clemente, altre volte pessimo. A volte freddo, talvolta caldo, spesso mite.

Sarà la stagione del risveglio della natura, dei mille colori, dei profumi della nostra terra. Sarà la stagione che in tanti aspettano con ansia, perché viatico verso l'Estate. Ed allora tutti a domandarsi cosa accadrà. Farà caldo? Farà freddo? Splenderà spesso il sole? Pioverà tanto? Nevicherà?

Tutte domande che necessitano di risposte, tutte domande alle quali si potrà rispondere cammin facendo. Ora come ora possiamo semplicemente abbozzare delle linee di tendenza, possiamo farlo congiungendo l'analisi modellistica - vi sono i cosiddetti modelli stagionali - con l'analisi delle dinamiche atmosferiche. Lavoro che viene svolto puntualmente ogni fine stagione, lo scopo ovviamente è quello di proiettarsi alla successiva.

Partiamo da un elemento, imprescindibile (probabilmente già trattato da alcuni colleghi): l'atmosfera sta subendo un altro sconquassso. Dopo il forte riscaldamento di dicembre ora si sta raffreddando. Ai piani alti è gelida, il gelo ovviamente ha ricompattato il Vortice Polare e gli effetti potrebbero ripercuotersi nella prima parte della primavera.

In che modo? Semplice, le probabilità che l'Alta Pressione si posizioni sul Mediterraneo potrebbero crescere. Diciamo questo, che potrebbero alternarsi fasi anticicloniche - particolarmente miti - a periodi di forte maltempo. Allorquando le perturbazioni atlantiche riusciranno a penetrare sui nostri mari potrebbero crearsi i presupposti per contrasti termici eclatanti. Contrasti capaci di innescare precipitazioni particolarmente abbondanti e i primi violenti temporali. Tutto ciò potrebbe accadere dalla seconda metà di marzo sino ad aprile inoltrato.

Durante questo periodo potremmo osservare anche dei rigurgiti freddi, il classico colpo di coda invernale per intenderci.

La seconda parte stagionale potrebbe mostrarci più dinamicità e per dinamicità intendiamo maggiori incursioni perturbate causa Alta Pressione defilata a ovest. Quindi da fine aprile verso fine maggio spazio a un tipo di tempo atlantico, intervallato ovviamente da qualche sprazzo di bel tempo e dai primi caldi di stagione.

Pubblicato da Alessandro Arena

Inizio Pagina