Meteo Giornale » Archivio » Clima Italia »

METEO Pianura Padana: perché nevica di più a ovest rispetto a est

immagine 1 articolo meteo pianura padana perche nevica di piu a ovest rispetto a est

L'unica possibilità per avere un meteo nevoso su tutta la Pianura Padana è da cuscinetto freddo nei bassi strati con successiva avvezione umida da sud in quota.

Può sembrare strano, ma nella parte occidentale della pianura nevica esclusivamente da avvezioni calde, mentre nell'estremo lembo orientale può nevicare anche con irruzione di Bora.

Questo perché la Pianura Padana è una valle completamente circondata da montagne: in particolare, le Alpi occidentali, nordoccidentali e centrali sono quelle più alte, che sbarrano qualsiasi fronte in arrivo da nordovest, nord, nordest.

Pertanto, per avere una buona nevicata in Pianura Padana, si devono originare un minimo di bassa pressione al suolo e di geopotenziale in quota sul Golfo di Genova, entrando dalla porta del Rodano, cioè circumnavigando le Alpi di Ponente.

Questa configurazione meteo non è comunissima, soprattutto negli ultimi anni, ma quando capita è capace di originare ingenti nevicate anche al piano.

La domanda che sorge è: perché sul Piemonte statisticamente nevica molto di più rispetto al delta del Po?

Le due aree geografiche sono praticamente alla stessa quota (qualche metro il delta del Po, 200 metri l'area pianeggiante piemontese), eppure tra Cuneese e Astigiano nevica mediamente 10 volte rispetto all'estremo lembo orientale.

Il motivo è semplice: il Piemonte è l'area più protetta dalle Alpi e questo può essere al tempo stesso un difetto e un pregio:

Un difetto perché è una delle zone più soggette a sbarramento da fohn (evento molto frequente), ma al tempo stesso un pregio perché può essere soggetto sia a un buono stau, sia a un cuscinetto freddo molto più resistente rispetto ad altre aree geografiche.

Le Alpi di Ponente, infatti, murano tutti i fronti da nord ovest, ma lasciano passare aria oltre i 2000 metri, che in inverno è sempre sotto zero.

Pertanto, se questa aria è umida, non è soggetta a scaldate come succede ad esempio in Romagna o in Veneto, quindi le precipitazioni sono sicuramente nevose quando c'è il cuscinetto freddo.

La parte orientale della Pianura Padana, per giunta, circondata anche dal mare Adriatico che mitiga il clima, non è soggetta a stau e al tempo stesso il cuscinetto freddo si rompe in fretta, perché quando c'è scirocco mite l'aria è calda anche a 1000 m di quota, facendo rapidamente piovere anche al suolo.

Sul Piemonte, invece, l'aria calda a 1000 m di quota viene sbarrata dalle Alpi, quindi passa solo quella molto più fredda a 2000 metri capace di dare neve senza problemi. È per questo motivo che il cuscinetto freddo piemontese è molto più resistente rispetto a quello del delta del Po o del Triveneto: va da sé che la probabilità nevosa decresce da ovest verso est e la Lombardia e l'Emilia sono "aree intermedie", dove la neve è sempre presente, ma con minor accumuli, poiché può girare più rapidamente in pioggia.

Pubblicato da Davide Santini

Inizio Pagina