Meteo Giornale » Archivio » Editoriali Meteo Giornale »

L'invidia del meteo estremo degli USA, ma non esageriamo

immagine 1 articolo 55859

Tutti a guardare oltre Oceano, al di là dell'Atlantico, verso ovest. Direzione USA, direzione Nord America. E' là, verso le condizioni meteo climatiche estreme di quelle lande, che è rivolto lo sguardo degli appassionati in materia.

Appassionati che esprimono, in giro per la rete, un po' d'invidia. Ma siamo così sicuri che dobbiamo essere invidiosi di quelle condizioni? Per capirci, vari stati americani stanno sperimentando una delle più intense ondate di gelo degli ultimi decenni. Gelo, sì, ma anche autentiche tempeste di neve. In rete girano foto e video che catturano migliaia - se non milioni - di click.

Tutti a chiedersi come mai, da quelle parti, l'Inverno puntualmente lascia il segno. Ogni anno, tra gennaio e febbraio, varie zone del Nord America sono investite dagli affondi del Vortice Polare. Il gelo è capace di spingersi a latitudini paragonabili alle nostre, ma in Italia quel tipo di tempo difficilmente si potrà mai vedere. Magare oltralpe, non a caso le scorse settimane s'è parlato abbondantemente delle super nevicate tanto sulle Alpi settentrionali quanto sull'Europa orientale e sudorientale.

Fidatevi, ne hanno parlato anche negli USA. Vuol dire che anche in Europa possono verificarsi situazioni invernali estreme. Magari non a livello di gelo, ma di neve sicuramente. Anche qui in Italia, sappiatelo, ci sono località che registrano quantità di neve superiori a rinomate località americane. E stiamo parlando di località appenniniche (ad esempio Capracotta).

Ma allora perché invidiare quel che succede dall'altra parte dell'Atlantico? Noi che invidiamo loro, loro che invidiano noi. Sapete quanti americani vorrebbero un clima come il nostro? Il Mediterraneo è imparagonabile, questo dicono. Il problema è che non si è mai capaci di apprezzare abbastanza ciò che si possiede. Non si è mai capaci di apprezzare il luogo in cui si vive. E' una regola generale, che vale tanto in Italia quanto negli USA.

Ora smettiamola, per favore. Smettiamola di lamentarci. Anche perché, detto fra noi, non è che stare a -15°C in mezzo a una bufera di neve sia gradevole. Se si è dentro casa ok, non c'è problema, ma se per qualche motivo si è costretti a star fuori beh, è un altro paio di maniche.

Pubblicato da Alberto Mancini

Inizio Pagina