Meteo Giornale » Archivio » Meteo Amarcord »

Bufere di neve e storico gelo vent'anni fa, nei famosi Giorni della Merla

immagine 1 articolo bufere di neve e storico gelo nei famosi giorni della merla 1999

A fine gennaio 1999 un'intensa ondata di gelo investì l'Italia. Il 29, il 30 ed il 31 gennaio sono considerati, secondo un'antica tradizione, i più freddi dell'anno. In quell'occasione il proverbio venne pienamente rispettato.

Quest'anno non andrà certo così, ma in altre annate effettivamente la fine di gennaio è stata caratterizzata da intense ondate di freddo. Il caso più celebre degli ultimi decenni di cui si ricorda è quello della fine di gennaio del 1999.

Meteo Giorni della Merla, non i più freddi dell'anno. Ma la neve in arrivo

Le premesse erano tutt'altro che favorevoli all'arrivo della neve : il mese di gennaio 1999 si presentò in gran parte stabile e soleggiato con periodi anche molto miti a causa di correnti calde che alimentato un promontorio anticiclonico nord-africano.

All'improvviso, verso fine mese cambiò davvero tutto in modo repentino, con il rallentamento del Vortice Polare! Una potente irruzione artico-continentale siberiana gelò una gran parte dell'Europa centro-orientale e meridionale, piombando con moto retrogrado fin sul cuore del Mediterraneo e sull'Italia.

Grande neve sul Nord Italia a fine gennaio 2006, era ciclo meteo diverso

Il nucleo gelido diede infatti vita ad una ciclogenesi che durò anche per i primi giorni di febbraio, con nevicate diffuse e copiose al Centro-Sud e sulle Isole. La neve imbiancò quasi tutte le coste dell'Adriatico dalla Romagna alla Puglia, il litorale ionico.

Ben più eccezionale furono le nevicate all'estremo Sud e sulle due Isole Maggiori. La neve sfondò in taluni casi fin sulla costa anche sull'est della Sardegna e sul nord della Sicilia, facendo una breve comparsa persino a Palermo.

I "giorni della merla" e il loro legame con la meteorologia

immagine 2 articolo bufere di neve e storico gelo nei famosi giorni della merla 1999

La mappa in alto mostra le forti anomalie termiche negative in Europa fra il 30 gennaio ed il 2 febbraio, dalla quale possiamo notare la traiettoria della colata d'aria gelida con un ponte di collegamento diretto dalla Siberia all'Italia.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina