Meteo Giornale » Archivio » Editoriali Meteo Giornale »

Meteo verso il GELO, ora o mai più

immagine 1 articolo 55811

Il tempo stringe, resta "soltanto" Febbraio. Quindi ora o mai più, tutto o niente. Che poi, diciamolo, il "niente" (così come lo definiscono alcuni) sta proponendo condizioni meteo comunque invernali.

Purtroppo siamo abiutati, per certi versi giustamente, a giudicare una stagione per gli effetti nel nostro "orticello". Se non fa freddo nella nostra città non è Inverno, anche se magari a 100 km da noi è caduta tantissima neve. E' normale, intendiamoci, così com'è normale che l'Italia proponga variegate condizioni micro climatiche.

Ci si scorda anche un'altra cosa: non siamo in Siberia. Non arrabbiamoci se, da amanti del freddo e della neve, non arriva il gelo siberiano. Non è un fatto usuale, se lo fosse non sarebbe il Mediterraneo. C'è chi sostiene che in passato le ondate di gelo erano più frequenti, forse è vero, ma di certo non è la normalità del nostro clima. Vi sono periodi dove l'atmosfera è più propensa all'Inverno "old style", altri periodi dove invece preferisce ricordarci che il Mediterraneo ha un clima gradevole.

Esaurita la premessa, diciamocelo: ora o mai più. In questo momento, diciamo sino a metà febbraio, avremo le condizioni ideali affinché l'aria gelida riesca a spingersi prima in Europa poi nel Mediterraneo. I modelli deterministici, in tal senso, seppur a singhiozzo fiutano qualcosa proponendo la genesi di un'Alta Pressione in Scandinavia e il conseguente scivolamento di nuclei gelidi sull'Europa centro orientale.

C'è solo un elemento che ancora deve soddisfare le condizioni ideali: l'Atlantico. Se i Vortici Ciclonici in uscita dal Canada continueranno a spingersi con foga verso est, direzione Europa, sarà difficile portare l'aria gelida ad ovest. Se invece dovessero affondare verso sud, in pieno Atlantico, o magari mollare la presa ecco che l'Alta delle Azzorre potrebbe spingersi verso nord, strutturare un poderoso blocco anticiclonico e facilitare un'ondata di gelo consistente.

Sono tutte congetture, almeno per ora, ma la possibilità c'è. Dopotutto è febbraio il mese più propizio al gelo, non scordiamocelo.

Pubblicato da Alberto Mancini

Inizio Pagina