Meteo Giornale » Archivio » Curiosità del Clima »

Meteo estremo, vivere costantemente a -40 gradi, e sopravvivere

immagine 1 articolo meteo estremo vivere costantemente a 40 sottozero sopravvivere

Vivere ad una temperatura media invernale di -40°C è sicuramente un'esperienza difficile. Noi, abituati al clima mite mediterraneo, non possiamo minimamente immaginare cosa voglia dire vivere - talvolta per scelta - nei luoghi più freddi dell'emisfero boreale. Ad esempio in Siberia.

Se avete la curiosità di capire cosa si prova, provate a dare un'occhiata al profilo instagram del fotografo siberiano Alex Vasyliev. Tramite i suoi scatti siamo in grado di farci un'idea del gelo siderale che avvolge la sua città natale, Jakutsk, capitale della Repubblica di Sakha collocata nella Siberia orientale.

Stiamo parlando di una città russa per niente piccola, visto che conta circa 300 mila abitanti. Si trova a soli 450 chilometri dal Circolo Polare Artico, non distante da Oymyakon, ovvero da quella località dove è stata registrata la minima assoluta per un centro abitato, -71,2°C il 26 gennaio 1926, secondo quanto scritto su un cartello all'entrata del villaggio, -67,7°C, ufficialmente, il 6 febbraio 1933.

Possiamo tranquillamente parlare di condizioni meteo estreme perché non è soltanto il gelo a farla da padrone. Il clima subartico estremo fa sì che la temperatura media annuale - pensate - sia di -9°C. Soltanto per 5 mesi all'anno (da maggio a settembre) la media supera 0°C mentre a gennaio la temperatura media raggiunge -39°C.

Questa città ha anche un'altra peculiarità, ovvero l'enorme escusione termica annuale: 59°C! Ciò perché a luglio si registra una temperatura media di 20°C. A Jakutsk è stata misurata una temperatura minima pari a -64,4°C, mentre la massima assoluta ha raggiunto 38,4°C.

Date le condizioni climatiche estreme, gli abitanti di Jakutsk cercano di sopravvivere nel migliore dei modi, vivendo per gran parte delle giornate nelle loro case e uscendo quasi esclusivamente per recarsi al lavoro. Nonostante le scarse precipitazioni, con queste temperature neve e ghiaccio sono permanenti. Gli stessi abitanti del luogo riconoscono che la vita è noiosa, praticamente si vive solo nei mesi estivi.

Pubblicato da Ivan Gaddari

Inizio Pagina