Meteo Giornale » Archivio » Sotto la lente »

Meteo per la prossima settimana: 1-2, forse 3 ondate di freddo Artico

immagine 1 articolo meteo per la prossima settimana 1 2 forse 3 ondate di freddo artico

Stiamo assistendo a un disperato tentativo dell'Alta Pressione delle Azzorre di imporsi, disperato perché non andrà a segno se non temporaneamente facilitando un diffuso miglioramento delle condizioni meteo.

Se vi aspettate un periodo di bel tempo vi sbagliate. Per capire l'errore basterebbe prendere qualsiasi modello matematico e osservare attentamente i movimenti - giorno per giorno - delle Alte e delle Basse Pressioni. Vi rendereste conto di quanto l'Anticiclone delle Azzorre sia sbilanciato verso ovest, in pieno Atlantico. Vi rendereste anche conto che dal Circolo Polare Artico giungono nuclei freddi sull'Europa centro occidentale.

La permanenza di un'ampia ferita depressionaria, ovviamente sui nostri mari, fungerà da catalizzatore delle irruzioni. Il primo impulso d'aria fredda si affaccerà tra domenica e lunedì, portando nuove nevicate a quote collinari. Il secondo giungerà a strettissimo giro, ovvero tra martedì e mercoledì.

In entrambi i casi dovrebbero svilupparsi due vortici di bassa pressione: il primo un po' più settentrionale, il secondo a ridosso della Sardegna. Non avranno gli effetti del ciclone mediterraneo ma apporteranno comunque un peggioramento localmente intenso.

Tutto finito? A quanto pare no... perché sul finire della prossima settimana potrebbe affacciarsi un terzo impulso artico. Tuttavia su quest'ultimo regna incertezza circa l'esatta traiettoria tant'è che qualche modello dà l'ingresso sulla Penisola Iberica qualche altro nuovamente in Italia.

Trattasi di differenza sostanziale, perché nel primo caso si potrebbe assistere a un temporaneo richiamo d'aria mite con peggioramento meteo a partire dalle regioni occidentali. Il freddo arriverebbe in un secondo momento, molto smorzato. Non è neanche detto che l'aria fredda riesca ad arrivare, difatti c'è chi propende per lo sfondamento sul nord Africa. Nel secondo caso, ovviamente, il maltempo verrebbe accompagnato da temperature invernali e altre nevicate a quote collinari.

Di sicuro non ci annoieremo, possiamo tranquillamente affermarlo. Difficile annoiarsi in un contesto di siffatta dinamicità invernale e occhio a quel che potrebbe succedere nel corso della prima settimana di febbraio. Il gelo, il vero gelo russo, potrebbe piombare improvvisamente in Europa.

Pubblicato da Ivan Gaddari

Inizio Pagina