Meteo Giornale » Archivio » Sotto la lente »

Gelido risveglio, meteo fortemente invernale

immagine 1 articolo gelido risveglio meteo fortemente invernale

Siete già usciti di casa e state leggendo questo articolo dal vostro cellulare? Beh, allora converrete con noi che le condizioni meteo - benché in miglioramento - non stia certo lesinando sensazioni invernali.

Cessate le nevicate, che anche negli ultimi giorni fornivano spunti di cronaca interessanti, eccoci a parlare di quel che resta dell'irruzione artica. Già, perché a differenza di quanto accaduto a inizio mese non abbiamo avuto a che fare con aria gelida bensì fredda. Ma poco importante, perché poi il deposito al suolo avviene egualmente e gli effetti - in termini di temperature - non si fanno certo intimidire da una propaggine anticiclonica.

Leggendo le temperature in atto in questo momento, dati ufficiali dell'Aeronautica Militare, scopriamo che stiamo registrando valori quasi ovunque inferiori alle medie stagionali. A volte di 1-2°C, a volte anche di 3-4°C. Il ché, lo ribadiamo, in un'epoca dove non si fa altro che parlare di anomalie di segno opposto e di riscaldamento globale fa un certo effetto. Peraltro in talune città d'Italia - ad esempio Firenze, come già sottolineato dal collega Meloni in un approfondimento di ieri - la colonnina di mercurio fatica a salire sopra lo zero. Lo fa di giorno, ma al calar del sole ecco che ripiomba rapidamente e facilmente nei valori negativi.

In questo momento vi dobbiamo segnalare proprio -5°C sul Capoluogo toscano e su Grosseto, superati addirittura dai -7°C di Arezzo! Stiamo parlando di temperature capaci di scendere persino più di talune località alpine e che confermano la Toscana come una delle regioni certamente più fredde di questo primo scorcio di gennaio. Ma poi vi sono le località costiere adriatiche, laddove non sono mancate gelate e dove in questo momento si fa fatica a superare lo zero. Idem sui litorali tirrenici, anche qui le anomalie termiche sono pronunciate benché localmente si stiano già raggiungendo - si fa per dire - 4-5°C.

Spostandoci nelle due Isole Maggiori dobbiamo necessariamente evidenziare le gelate alle porte di Cagliari, fin sull'hinterland settentrionale (praticamente alle porte della città), ma non si scherza neppure sulle altre città costiere come ad esempio Alghero piuttosto che Olbia. Ovviamente nell'interno le gelate sono state forti, con punte di quasi 11°C sotto zero attorno ai 900 metri di quota. Idem in Sicilia, dove a parte gli 11°C attuali di Palermo la colonnina di mercurio resta veramente bassa. Catania, ad esempio, si aggira tra i 3 e i 4°C mentre Enna (ma siamo a 1000 metri circa) ha una temperatura di 1°C sotto zero.

Insomma, fa freddo. Anzi, l'aria del primo mattino è gelida. Poi sì, con l'arrivo dell'Alta Pressione avremo anche un miglioramento del tempo e quindi un rialzo delle temperature ma di notte - a meno ché, come pare, non subentri il vento - le inversioni termiche potrebbero continuare a fare il proprio dovere invernale.

Pubblicato da Ivan Gaddari

Inizio Pagina