Meteo Giornale » Archivio » Editoriali Meteo Giornale »

Strawarming e meteo gelido: perché ne parla tutta Europa

immagine 1 articolo 55408

Ve lo siete mai chiesti? Perché il riscaldamento stratosferico (Strawarming appunto) è così importante da suscitare l'attenzione di autorevoli esperti meteo climatici mondiali?

Se ne parla negli USA, dove la cultura meteo è ben altra, se ne parla nel Regno Unito, se ne parla in alcuni autorevoli blog meteorologici iberici, se ne parla in talune Università europee come ad esempio in Scandinavia, ne parla il più autorevole servizio meteorologico francese. Se ne parla anche in Italia, al di là dei nostri articoli. Or bene, se ne parlano ovunque un motivo ci sarà senz'altro ed il motivo è abbastanza semplice (oltre ché scontato): condiziona la circolazione atmosferica dell'intero emisfero boreale.

Meteo e Stratwarming in atto visto all'estero: video Met Office

Freddo artico o gelo russo? Scenari meteo da forte inverno.

Volete sapere che si dice in giro? Beh, in Scandinavia e in Gran Bretagna si starebbero preparando alla cosiddetta "bestia dell'Est", ovvero una poderosa ondata di gelo proveniente dalla Siberia. In Francia idem, in Germania si aspettano invece un'incursione del gelido Vortice Polare, mentre in Spagna sono divisi tra una super "articata" e l'irruzione gelida siberiana.

Stratwarming, forte sconquasso METEO per tutto l'inverno

Ora, qui in Italia ci capita di leggere critiche accesissime rivolte a chi tratta l'argomento ipotizzando quella piuttosto che l'altra soluzione. A questo punto la domanda ve la poniamo noi: perché? Perché criticare un lavoro che fino ad ora ha portato comunque dei frutti? Chi ci segue sa benissimo che s'iniziò a parlare di riscaldamento stratosferico a dicembre, già all'epoca si ipotizzarono scenari derivanti dalla possibile rottura del Vortice Polare e quelle ipotesi hanno poi trovato riscontro nella realtà.

L'evento meteo di portata storica.

Prima un'ondata di gelo, poi un'ondata di freddo. Ora, come paventato più volte, ci sarà una pausa che porterà un timido tentativo anticiclonico e una temporanea esaltazione della fase zonale (correnti atlantiche). Ma appunto, sarà temporanea. Nell'ultima decade, a nostro avviso, potrebbero riproporsi interessantissime ondate di freddo e potrebbe scapparci - sul finire del mese - persino l'ondata di gelo. Questa la nostra opinione, che poi è la stessa che hanno enti più autorevoli di noi.

Pubblicato da Ivan Gaddari

Inizio Pagina