Meteo Giornale » Archivio » Editoriali »

Freddo artico o gelo russo? Scenari meteo da forte inverno

immagine 1 articolo 55397

A volte ci si sofferma fin troppo su distinzioni meteo che sì, hanno una valenza indiscutibile, ma che ai fini dell'andamento stagionale non cambiano il risultato.

Stiamo ovviamente parlando di condizioni meteo climatiche fortemente invernali, condizioni che mai come quest'anno potrebbero accompagnarci sino a fine stagione. I perché li conosciamo, le cause sono state ampiamente discusse in approfondimenti mirati a spiegarvi le complesse dinamiche atmosferiche. Ed allora, che sia freddo artico o gelo russo poco importa, quel che importa è che l'Inverno dovrebbe continuare a recitare il ruolo d'indiscusso protagonista.

Badate bene, non ci stiamo inventando nulla ci mancherebbe altro. Stiamo semplicemente riportando delle ipotesi evolutive sulla base di un'attenta analisi modellistica. Ora, è vero che i modelli fisico matematici individuano un tentativo dell'Alta Pressione di invadere il Mediterraneo ma se avete avuto modo di sbirciare tra le mappe avrete notato che il tentativo sarà fallace e che ben presto torneremo a parlare di irruzioni fredde.

Irruzioni che dovrebbero ripresentarsi a ridosso dell'inizio dell'ultima decade mensile. Irruzioni che ancora una volta potrebbero arrivare dai quadranti settentrionali e ciò vorrebbe dire avere a che fare col freddo proveniente dal Circolo Polare Artico. E il gelo russo? Beh, diciamo questo, rispetto a quanto scritto ieri è cambiato poco o nulla. Siamo in attesa che le pulsazioni del riscaldamento stratosferico - con conseguente rottura del Vortice Polare - si propaghino verso i piani atmosferici più bassi. A quel punto non dovremo stupirci se l'aria gelida siberiana riuscisse a penetrare tanto in Europa quanto sul Mediterraneo.

Ma perché ciò avvenga, lo ripetiamo, v'è necessità che l'Alta Pressione delle Azzorre rimanga nella posizione attuale e da lì vada a proiettarsi in direzione nord (senza trovare l'ostacolo delle perturbazioni atlantiche, altrimenti la manovra diventerebbe complessa e dispendiosa).

Ciò detto vi chiediamo, qual è la differenza tra il freddo artico e il gelo russo? Notevole direte voi, siamo d'accordo anche noi, ma alla fin fine stiamo parlando di un Inverno estremamente vivace, forse persino cattivo. Poi se non lo sarà per noi va beh, ci lamenteremo come sempre, ma quasi certamente in alcune parti d'Europa potrebbe essere ricordato a lungo.

Pubblicato da Ivan Gaddari

Inizio Pagina