Meteo Giornale » Archivio » Meteo Clima e Storia »

Il gelido meteo dell'Epifania del 1947

immagine 1 articolo 55324 Fonte mappa di wetterzentrale.de. Ricostruzione situazione meteo relativa al giorno 6 Gennaio 1947.

STORIA METEO E CLIMA: L'inverno 1946-47 fu freddissimo in Italia ed in Europa.

Le temperature furono particolarmente basse nel mese di Gennaio, ma le abbondanti nevicate che colpirono il Nord Italia si verificarono soprattutto nel mese di Febbraio.

La giornata dell'Epifania 1947 fu caratterizzata da un'ondata di freddo dovuta ad un nucleo di aria freddo retrogrado proveniente dalla Russia. In quella circostanza, l'Anticiclone era posizionato sulla Scandinavia.

Le isoterme alla quota topografica 850 hPa sfiorarono ben -20°C sul Friuli orientale, ma, contemporaneamente, giunse anche una perturbazione atlantica dalla Spagna.

L'interazione tra le due masse d'aria provocò intense ed estese nevicate soprattutto sul Centro Italia.

In Toscana, la città di Pisa registrò una temperatura minima di -6,5°C ed una massima di -3,4°C, con bufera e addirittura temporale di neve con vento furioso. Ci fu quello che in meteorologia è chiamato blizzard.

La neve cadde su tutta la pianura toscana e su gran parte dell'Italia Centrale, con quantitativi anche superiori ai 20 cm in quella che fu un giorno d'Epifania memorabile.

A Trieste il vento di bora portò la temperatura fino a -12°C, con venti tempestosi, ed una sensazione termica sotto i -25°C.

In Austria la città di Linz, a 313 metri di quota, registrò una temperatura minima di -19,8°C ed una massima di -12,0°C.

In Germania, la grande Berlino registrò una temperatura minima di -17,6°C ed una massima di -13,4°C, mentre Monaco di Baviera -24,2°C di minima e -12,0°C di massima. Valori degni delle pianure sarmatiche europee in ondata di gelo.

Anche se l'ondata di freddo si attenuò nei giorni successivi, il freddo la fece da padrone per l'intero mese di Gennaio.

Pubblicato da Giovanni De Luca

Inizio Pagina