Meteo Giornale » Archivio » Buongiorno Italia »

Situazione ed evoluzione meteo: nuova irruzione fredda

immagine 1 articolo situazione ed evoluzione meteo nuova irruzione fredda

L'attuale situazione meteo è caratterizzata dall'espandersi verso le nostre regioni dell'alta pressione europea, ed il contemporaneo traslare verso est della massa d'aria fredda che ha interessato con un'ondata di gelo il Sud Italia e la Sicilia.

Dalla foto del Meteosat riusciamo a intravedere alcuni elementi salienti:

abbiamo indicato in rosa l'aria più mite che viene dalle Baleari verso l'Italia. Questa è associata all'anticiclone europeo, tuttavia è foriera di nuvolosità irregolare, ma per il momento non genera precipitazioni.
Ma ha sensibilmente innalzato i termometri in Sardegna, dove ieri mattina si sono avute temperature minime nelle zone interne anche di -5°C.

In Sardegna le ondate di freddo generalmente terminano in anticipo rispetto alle altre regioni d'Italia, essendo quest'area tra più esposte ai venti miti che vengono da ovest.

Nel frattempo, appena ad est dell'Italia è ancora presente una massa d'aria gelida che determina temperature sotto gli 0°C su tutta l'Europa orientale. Nevica in molte località, tra cui varie arie della costa del Mar Nero. Tormente di neve stanno interessando varie località della Turchia e dell'Ucraina.

Ma le condizioni meteo, nonostante il potente anticiclone, stanno cambiando su parte delle Isole Britanniche, dove la coda meridionale di una perturbazione oceanica tende a determinare un aumento della nuvolosità.

Tale fronte nuvoloso sta per rompere l'equilibrio anticiclonico nella parte orientale del medesimo, e innescherà una nuova irruzione di aria polare che raggiungerà il Mediterraneo centrale presumibilmente a metà settimana.

Le ultime elaborazioni meteo individuano la formazione di un centro di bassa pressione sui mari italiani, dove si avranno burrasche di vento e anche maltempo, oltre che un nuovo sensibile abbassamento della temperatura.

La dinamicità dell'inverno 2018-2019 è in forte aumento, quantomeno in questa fase. Tuttavia, e lo segnaliamo per correttezza, alcune parti del nostro Paese sono svantaggiate dalle correnti settentrionali.

Il nostro riferimento è soprattutto per il Nord Italia, dove il nuovo cambiamento del tempo rimescolerà l'aria, soprattutto nel catino padano, dove le calme di vento sono ideali condizioni per la genesi dello smog di cui siamo divenuti sempre più sensibili per la sua presenza anche a causa delle imponenti misure di prevenzione.

Pubblicato da Daniele Morelli

Inizio Pagina