Meteo Giornale » Archivio » Focus Clima »

METEO CURIOSITÀ: è vero che nevica meno di un tempo?

immagine 1 articolo meteo curiosita e vero che nevica meno di un tempo

Chi non è più giovanissimo si sarà accorto che in questi ultimi decenni nevica meno di un tempo; d'altronde lo si sente spesso in giro e vengono presi confronti con epoche dove in Pianura nevicava diverse volte all'anno, mentre il meteo degli ultimi inverni è stato poco generoso in confronti di chi ama il suolo innevato.

Ma è tutto vero? La risposta è: in parte.

Diciamo subito che gli ultimi cinque inverni non sono stati molto generosi, anzi, in alcune aree della Pianura Padana non è nevicato neanche una volta negli inverni 2016 e 2017, mentre l'ultimo anno s'è salvato in extremis grazie all'ondata di gelo di febbraio-marzo.

Se vogliamo fare un'attenta analisi gli errori che abbiamo sottinteso sono due: il primo è che non abbiamo dato un riferimento temporale (cosa vuol dire "un tempo"? rispetto a quanti anni fa?); il secondo è che è sbagliato prendere a modello gli ultimi cinque inverni e additare loro di cambiamento climatico, perché se solo ci spostiamo altrove (vedi USA) sono stati anni ricchissimi di gelo e neve.

Veniamo ai dati: a partire dagli anni 90 la nevosità MEDIA della Pianura Padana è diminuita, rispetto alla media 1961-1990 e i dati di diversi Osservatori Meteo (Modena, Padova, Milano, Torino, Parma, Varese ecc.) confermano ciò.

E questo nonostante annate ricche di neve: come non ricordare l'inverno 2006 (col nevosissimo gennaio!), oppure l'altrettanto nevoso 2009, le abbondanti imbiancate del dicembre 2009 o del febbraio 2013, per non dire delle storiche nevicate del febbraio 2012 sulle Adriatiche.

I dati sono QUESTI: non possiamo prendere a modello due o tre inverni consecutivi scadenti e porli come "nuovo clima" perché è un errore importante: il clima si fa su scale di UN TRENTENNIO, non di qualche anno poco nevoso.

Altro errore comune: confrontare gli anni 2000 con il 1800; è logico che all'epoca i suoli fossero molto più innevati e gli episodi più frequenti, poiché si era in PEG (Piccola Epoca Glaciale), quindi fare raffronti non ha senso, anche perché si fa confronto con 150-200 anni fa, al di fuori del range di vita umano.

I dati ufficiali di molti Osservatori affermano in realtà che nell'ultimo trentennio nevica meno rispetto ai precedenti ma -in particolare- sono drasticamente diminuiti i giorni con neve al suolo: vuol dire che negli ultimi decenni nevica, anche in maniera importante, ma rimane al suolo molto meno, a causa di temperature più miti o della successiva conversione in pioggia, dovuta al cuscinetto freddo meno resistente di un tempo (qui LINK: swww.meteogiornale.it/notizia/53837-1-meteo-invernale-cuscinetto-padano).

Questo sì che è un dato: quindi potremmo rigirarla così: nelle nostre città del Nord la neve permane al suolo molto meno rispetto al Novecento; così è più corretto scientificamente.

Pubblicato da Davide Santini

Inizio Pagina