Meteo Giornale » Archivio » Focus Clima »

Anomalie termiche dei Mari conseguenza di meteo estremo ricorrente

Avevamo già accennato il fatto che mari troppo caldi forniscono un surplus di energia quando ci sono irruzione fredde dalle alte alle medie latitudini: la temperatura superficiale del mare, quindi, è UNO dei fattori (non l'unico!) che può favorire meteo severo.

Nell'immagine 1 vengono mostrate le anomalie superficiali di tutti i bacini d'acqua del mondo: nel Mediterraneo l'anomalia è stata parzialmente riassorbita, mente, dando uno sguardo altrove, si vedono le vastissime anomalie dell'Oceano Pacifico settentrionale e in generale dei mari chiusi.

Il Mar Nero e il Mar Caspio, infatti, risentono delle continue anomalie atmosferiche, con vasti anticicloni posizionati sui Balcani.

Ricordiamo che un mare troppo caldo è capace di far sviluppare celle temporalesche in aree e periodi dell'anno inusuali, come è successo lo scorso 29 ottobre: nella seconda immagine si vede la grandissima quantità di fulmini caduti attorno all'Italia, fenomeno decisamente eccezionale e inconsueto, sia per vastità, sia per calendario, a dimostrazione del fatto che troppa energia termica può originare meteo severo.

immagine 1 articolo 53866

Anomalie termiche superficiali di tutte le acque del Pianeta; fonte Climate Reanalyzer

immagine 2 articolo 53866

Impressionante quantità di fulmini caduti il giorno 29 ottobre (oltre 320.000 secondo Blitzortung), sintomo di accesi contrasti termici tra acque e atmosfera.

Pubblicato da Davide Santini

Inizio Pagina