Meteo Giornale » Archivio » Editoriali Meteo Giornale »

Meteo: INVERNO al capolinea? Non scherziamo...

immagine 1 articolo 49283

E' vero, le condizioni meteo per alcuni giorni proporranno scenari poco invernali. Localmente si respirerà persino aria di primavera.

Però permetteteci, non siamo per niente d'accordo con chi ritiene che l'inverno sia già terminato. Soprattutto non capiamo l'opinione di chi critica pesantemente le previsioni a lungo termine - visti i continui ribaltoni modellistici - e poi si affretta a decretare la dipartita stagionale in virtù del fatto che è più probabile l'ennesimo "non inverno" invece che episodi freddi degni di tal nome.


Fosse così sarebbe troppo facile, tanto varrebbe lasciar stare modelli, indici climatici e quant'altro e comparsi una sfera di cristallo. No, non si ragiona in questo modo. Certo, non ci si deve far prendere dall'umoralità, ma non si può neppure gettare la spugna così facilmente.

Non scordiamoci che sta arrivando febbraio e che verrà accolto da quello che statisticamente è il periodo più freddo dell'anno. Febbraio che sovente, lo dicono gli archivi meteorologici, è capace di grandi manovre. Anzitutto è più facile osservare, lo si scrive da tempo, l'arrivo del gelo sull'Europa orientale. E non è neppure escluso un rafforzamento dell'Anticiclone russo-siberiano. Questi, badate bene, sono ingredienti essenziali per poter pensare a qualche dinamica di freddo duraturo e produttivo.


Non vi stiamo dicendo che accadrà, ci mancherebbe altro. E non stiamo neppure basando la nostra analisi sulle ultimissime proiezioni dei principali modelli matematici di previsione (che stamane sembrano fiutare proprio dinamiche paragonabili alle suddette).

Stiamo ragionando in termini probabilistici, consci che da qui ai primi di marzo potrebbero subentrare ondate di freddo imponenti in alcune zone d'Europa. Se poi riusciranno a coinvolgerci lo vedremo, certo è che l'inverno è tutt'altro che terminato!


Chi si affretta ad affermare ciò sbaglia, pesantemente. E son gli stessi che poi criticano, che si scagliano in rete con violenza per chissà quale motivo. Sarebbe così bello poter discutere, esporre le proprie opinioni, anche ricevere critiche ma sempre nel rispetto dell'altrui pensiero. Ahi noi, da quando c'è internet e i social, tutto ciò appartiene alla preistoria della meteorologia...

Pubblicato da Ivan Gaddari

Inizio Pagina