Meteo Giornale » Archivio » Sotto la lente »

Caldo estremo sull'Italia, cadono vari record. Ora in arrivo crollo termico

Gli estremi climatici stanno facendo davvero notizia in quest'avvio di 2018. Il gelo epocale ha messo in ginocchio gli Stati Uniti, il caldo infernale feroce ha visto raggiungere temperature prossime ai record assoluti in Australia. L'Italia, nel nostro piccolo, non è da meno con una fase di caldo anomalo per gennaio.

immagine 1 articolo 49185

In questo 8 gennaio si sono raggiunte temperature da record per questo mese, specie sull'area tirrenica per effetto dei caldi venti di scirocco. Roma Fiumicino ha stabilito il nuovo record di gennaio con +20.2°C, battendo i +19.6°C del 1962. Spicca poi anche Napoli Capodichino con +21.5°C, contro i +21.2°C del 2001.

Nuovo record mensile anche su Pratica di Mare con +20.4°C (precedente +20.0°C del 1962), poi Viterbo con ben +19.3°C, che supera il precedente primato di +19.1°C risalente al 2008. Anche Vigna di Valle (Bracciano) è riuscita a battere il record con una massima di +18.7°C, un decimo superiore al precedente record del gennaio 1962.

Record anche in Sardegna a Capo Caccia con +19.8°C (stesso valore del 7 gennaio 2018), mentre Alghero Fertilia, ha misurato +21.5°C, appena inferiore al primato storico del giorno precedente (7 gennaio) pari a +21.6°C.

Sfiorano il record, ancora nel Lazio, anche Latina e Guidonia, dove il termometro si è fermato in entrambi i casi a +21.4°C (precedenti rispettivi record di +21.7°C e +21.8°C del gennaio 1962). Non lontana dal record nemmeno Frosinone, con +18.8°C rispetto ai +19.5°C record di gennaio del 1965.

A Palermo Punta Raisi si sono raggiunti i +24.1°C, ma è solo il secondo record di gennaio dietro i +25.6°C del famoso gennaio 1962. Il grande caldo, così anomalo per gennaio, ha sfondato anche sul Nord-Est: a Trieste si sono misurati ben +18.2°C, che sgretolano il record precedente di gennaio che era pari a +16.8°C, risalente al 19 gennaio 2014.

immagine 2 articolo 49185

Ora la situazione meteo tornerà gradualmente alla normalità, con le temperature che nei prossimi giorni caleranno. Non è in arrivo il freddo, ma solo un ritorno ad un clima più consono a gennaio. I cali termici più rilevanti riguarderanno proprio le aree tirreniche dove si sono registrate temperature da record.

Pubblicato da Mauro Meloni - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Inizio Pagina