Meteo Giornale » Archivio » Meteo Amarcord »

Luglio 2000, l'eccezionale ondata di freddo artico nel cuore dell'estate

Le brevi interruzioni d'estate sono un fenomeno non certo raro in pieno luglio, molto più di quanto si pensi. Ci sono numerosi precedenti anche negli ultimi anni, ma bisogna tornare indietro al 2000 per un evento che lasciò sicuramente un'impronta clamorosa nel bel mezzo di un'estate che vide l'alternarsi di ondate di caldo africano anche intense con varie irruzioni instabili.

Era il 9 luglio del 2000 quando un'anomala saccatura colma d'aria fredda artica affondò verso il cuore dell'Europa protendendosi verso l'Italia. Correnti piuttosto fredde fecero irruzione in grande stile, soprattutto in quota, scatenando un peggioramento meteo con temporali furiosi al Centro-Nord dell'Italia.

immagine 1 articolo 47777

Laddove il maltempo colpì con forza, le temperature scesero in picchiata. Il crollo termico fu più incisivo in montagna sulle Alpi, con la neve che cadde a più riprese e abbondante fin sotto i 1800 metri.

Le temperature crollarono però su valori anomali anche al suolo, specie al Nord appena dopo il maltempo: nella giornata del 12 luglio 2000 si registrarono appena 9°C a Torino ed 11°C a Milano, valori tutt'altro che estivi. In Sardegna si registrò addirittura una gelata in zona d'altopiano, con temperatura appena sottozero, su Villanova Strisaili.

L'irruzione fredda insistette per circa 7 giorni, determinando quindi un'anomalia termica notevole nel periodo fra 9 e 15 luglio, come da mappa posta sopra.

Pubblicato da Mauro Meloni - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Inizio Pagina