Meteo Giornale » Archivio » News Clima »

Temperature globali: tante polemiche sull'anno più caldo di sempre

Tante e troppe polemiche su questo anno 2014 che, dai dati di alcuni centri di calcolo, risulterebbe essere stato l'anno più caldo di sempre!

Diciamo subito che compare una vera e propria distanza tra i dati rilevati dalle stazioni meteorologiche terrestri ed i dati rilevati via satellite, ma non solo.

Partendo dai dati rilevati dalle stazioni terrestri, anche se non tutti i centri di calcolo sono arrivati alla conclusione dell'esame, notiamo che, al momento, il centro giapponese ha già denominato il 2014 come l'anno più caldo di sempre, seppure con una differenza di appena 0,02°C rispetto al 2005 ed al 2010, rientrando nell'ambito del possibile errore.

2014 anno più caldo di sempre a livello globale? Ecco i primi dati

Le misurazioni satellitari della temperatura terrestre, al contrario, mostrano che il 2014 non è stato affatto l'anno più caldo.
Infatti i dati RSS presentano un'anomalia di +0,16°C, nettamente inferiore ad annate come il 2010, che presentò un'anomalia di +0,37°C, od il 1998, che, con anomalia di +0,45°C, rappresenta l'anno più caldo di tutti.

E la cosa fa pensare, in quanto mai si era avuta una simile discordanza tra i dati superficiali rilevati con le stazioni di misurazione, ed i dati satellitari.

Il 2015 sarà più caldo del 2014? Per il Met Office si

Da Weatherbell, che utilizza un'integrazione tra i dati rilevati NCEP ed il modello CFSv2, per coprire tutte quelle zone che non presentano strumenti di rilevamento, il 2014 sarebbe solamente al 7°C posto nella classifica degli anni più caldi che appartengono tutti quanti al decennio 2000-2010, con l'eccezione del 1998.

immagine 1 articolo temperature globali tante polemiche su anno piu caldo di sempre Immagine delle anomalie termiche del 2014 tratta da Weatherbell

In questo caso spicca la presenza di un Nord Emisfero decisamente più caldo del Sud Emisfero, che avrebbe presentato addirittura un'anomalia termica negativa, quest'anno.

Forse la differenza tra i due tipi di rilevazione delle temperature terrestri si spiega proprio nella difficoltà di rappresentare zone del nostro Pianeta che non presentano, o hanno pochissime stazioni di rilevamento, come i Deserti, come i Poli o gli Oceani, le catene montuose, ecc.

Con le temperature superficiali calcolate da strumentazioni meteorologiche giocoforza intervengono le interpolazioni su terreni che non sono monitorati.

Resta il fatto che l'Emisfero Nord risulta più caldo di quello Sud, poco industrializzato e coperto dagli Oceani, a dimostrazione del fatto che una certa "impronta" della presenza umana si può rilevare anche dai dati climatici.

Pubblicato da Redazione Italia

Inizio Pagina