Meteo Giornale » Archivio » Buongiorno Italia »

Aria fresca e instabile arroccata a sud, l'Alta delle Azzorre non convince

immagine 1 articolo 31574 Persistono condizioni di tempo instabile in varie zone del Sud Italia, come ad esempio sulla Puglia. Qui siamo a Lecce, dove il cielo non promette niente di buono. Fonte webcam Ivan Capirola. Ci saremmo potuti limitare a queste poche parole, sufficienti per descrivere un quadro meteorologico che ci tiene compagnia da diversi giorni. A livello europeo abbiamo avuto un vero e proprio stravolgimento della circolazione e l'Atlantico - assoluto dominatore di un'intera stagione - è sempre più confinato a nord. Anche quel tentativo della Depressione d'Islanda di riprendersi lo scettro, illustrato sul finire della scorsa settimana, è stato arginato dall'ampia cintura anticiclonica.

Una parte di questa cintura è riuscita ad abbracciare le regioni Settentrionali e il medio-alto versante Tirrenico, coadiuvando condizioni di tempo primaverile. Abbiamo avuto tantissimo sole e temperature tipiche di fine marzo, se non addirittura d'inizio aprile. Un po' più complessa la situazione del Sud Italia, laddove permane - da giorni - un'ampia zona instabile alimentata da aria relativamente fredda in quota.

Tra l'altro proprio la dislocazione anticiclonica fa sì che da est continui ad affluire aria fredda ed è per questo che la "goccia fredda" non intende mollare la presa. Il contatto con la superficie del Mediterraneo continua a dar luogo a temporali localmente intensi ed anche stamane vengono segnalate locali precipitazioni temporalesche sulla Puglia. La neve, invece, continua a cadere in alcuni tratti dell'Appennino meridionale a quote comprese tra i 1000 e i 1200 metri.

Generale bel tempo, ultime insidie al Centro-Sud. Prime novità dal week-end

Per oggi dobbiamo attenderci una recrudescenza dell'instabilità non soltanto al Sud, ma anche tra Abruzzo e Molise, con possibili sconfinamenti verso il basso Lazio e la Campania. Ci aspettiamo acquazzoni, locali temporali ed altre nevicate sulle montagne. Instabilità anche in Sicilia, dove risulterà piuttosto vivace e persistente, così come non sono da escludere dei fenomeni sulla parte sud e lungo la fascia orientale della Sardegna.

Qualche nube riuscirà a farsi strada anche su Umbria e Toscana, mentre sterili velature faranno visita al Nord. Ma qui il tempo sarà buono e asciutto, anche se il clima sarà certamente meno mite del fine settimana.

Metà mese: dominio delle Azzorre minacciato da Artico e Nord Atlantico

Pubblicato da Ivan Gaddari

Inizio Pagina