Meteo Giornale » Archivio » Facciamo il Punto »

Aria fredda ed instabile sulle Adriatiche, da ovest spinge l'anticiclone

Transita il fronte sulle regioni orientali, un temporaneo miglioramento accorre da occidente.

Temperature in picchiata: rischio gelo tardivo al Nord e valli del Centro

immagine 1 del capitolo 1 del reportage fronte freddo ed instabile adriatiche neve montagna Copyright © EUMETSAT 2012, rielaborazione grafica a cura della Redazione Meteo Giornale.

Neve fino a quote eccezionalmente basse per il periodo sulle Alpi Orientali

CORRENTE FREDDA TAGLIA IN DUE L'EUROPA - Una vasta circolazione depressionaria si protende dal Mar di Norvegia verso il comparto balcanico e parte dell'Italia: al suo interno affluisce aria decisamente fredda, che ha portato condizioni di diffusa instabilità nel cuore del Continente e nevicate a quote molto basse sul comparto alpino orientale. Questa lama depressionaria, in gergo chiamata saccatura, si frappone alle circolazioni d'aria più calda presenti sulla parte sud-occidentale del Continente, in corrispondenza della Penisola Iberica, e più ad oriente, tra la Turchia, il Mar Nero e la Russia Meridionale.

Scossone invernale sull'Europa: neve in Austria e Baviera sotto i 700 metri

CODA DEL FRONTE TRANSITA SULL'ADRIATICO - Dopo aver interessato le regioni di Nord-Est dell'Italia, la coda sistema frontale legato alla saccatura nord-europea sta transitando lungo le regioni adriatiche, alle prese in queste ore con un vistoso peggioramento e un nuovo calo delle temperature derivante dall'aria fredda da nord che sospinge il sistema nuvoloso. Il clou del calo termico avverrà nella notte e la residua instabilità post-frontale potrà portare spruzzate di neve sui rilievi montuosi appenninici del versante adriatico fino a quote attorno ai 1400-1500 metri, come già avvenuto nel precedente peggioramento d'inizio settimana.

Dolomiti coperte di neve, PANORAMI DA CARTOLINA

NORD ITALIA DIVISO DAL PUNTO DI VISTA METEO Vi abbiamo già riferito delle nevicate che si sono verificate sulle Alpi Orientali, fino a quote sensazionali per il periodo, con imbiancate anche a 1000 metri d'altitudine: tali precipitazioni sono state causate dal travaso di un sistema frontale a carattere freddo, che si è riversato verso il Triveneto e l'Emilia dove, in pianura, non sono certo mancate precipitazioni a carattere di rovescio o temporale. Sul resto del Settentrione hanno invece dominato ampie zone di sereno, per effetto dell'intrusione d'aria più secca dall'Arco Alpino, con effetto foehn che ha portato cieli tersi e clima più gradevole.

immagine 2 del capitolo 1 del reportage fronte freddo ed instabile adriatiche neve montagna La neve di questa mattina sulle Dolomiti, a Moena situata a meno di 1200 metri d'altitudine. Fonte webcam www.hoteldolcecasa.it

immagine 3 del capitolo 1 del reportage fronte freddo ed instabile adriatiche neve montagna Splendido panorama da Laggio di Cadore, frazione di Vigo di Cadore a meno di 1000 metri d'altezza, con i monti attorno imbiancati fino in basso. Fonte immagine www.laggiodicadore.it

VENTI INTENSI - La nuova perturbazione ha portato un generale rinforzo dei venti su tutta Italia, anche su quelle zone dove il meteo è rimasto sostanzialmente soleggiato. Notevoli le raffiche di foehn al Nord-Ovest, con punte al di sopra dei 60-70 km/h persino in alcune località padane, ma è in Sardegna che il Maestrale ha soffiato molto intenso, tanto che si sono misurate punte di 140 km/h sulla costa orientale dell'Isola, laddove il vento scende impetuoso dai rilievi vicini.

Pubblicato da Mauro Meloni - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Inizio Pagina