Meteo Giornale » Archivio » Sotto la lente »

Diffuse grandinate al Nord, paesaggi imbiancati come se fosse inverno?

In Lombardia, anche attorno a Milano, la grandine ha imbiancato tutto destando non poco scalpore.

PRIMAVERA PAZZA? - Non sono certo pochi quelli che sono rimasti sbalorditi di fronte ai furiosi temporali che si sono scatenati nelle ultime ore su parte del Nord. Il temporale non è certo un evento inconsueto in questo periodo, ma a sorprendere notevolmente sono state in particolare le frequenti ed abbondanti grandinate: al mattino i maggiori fenomeni di tipo solido si sono concentrati sulla fascia pedemontanata veneta e friulana, poi al pomeriggio è stata la volta del Nord-Ovest, con forti temporali grandinigeni (generatori di grandine) in molte zone di pianura, fra cui Milano. La grandine, caduta abbondante, ha imbiancato le strade, con accumuli al suolo anche di 5-10 cm laddove si sono avute le maggiori precipitazioni. La temperatura si è abbassata notevolmente, tanto da dare la diffusa sensazione di un brusco ritorno dell'inverno: eppure il clima non è impazzito, questi eventi sono sempre accaduti in questo periodo.

Perturbazioni in rotta sull'Italia: temporali al Nord, caldo al Sud

GRANDINE FENOMENO DEL SEMESTRE CALDO - La maggior parte dei non addetti ai lavori associano le grandinate, in quanto sinonimo di chicchi di ghiaccio, alla stagione invernale, perché si pensa sbagliando che questi fenomeni si verificano più facilmente nella stagione fredda. Ecco perché quasi tutti sono rimasti a bocca aperta di fronte a grandinate abbondanti, capaci di conferire al paesaggio un aspetto che, come accaduto oggi, talvolta può persino avvicinarsi all' "effetto neve". La domanda che in tanti si sono posti è la seguente: Ma come fa a grandinare a maggio? In realtà la grandine, specie sulle regioni dal clima continentale, per realizzarsi necessita di vigorosi contrasti termici e intensi moti verticali ascensionali, che solamente nel periodo caldo dell'anno possono realizzarsi, per il maggiore contributo del calore e del riscaldamento diurno.

Maltempo degli ultimi giorni: punte d'oltre 200 millimetri in Piemonte

immagine 1 del capitolo 1 del reportage grandine al nord paesaggi imbiancati effetto neve inverno Lo strato di grandine in una via di Milano, fonte immagine www.mondoinformazione.com

Iniziano le forti e dannose Grandinate: avvio boom per il troppo caldo

immagine 2 del capitolo 1 del reportage grandine al nord paesaggi imbiancati effetto neve inverno Nella webcam di Como (fonte www.meteocomo.it), i residui di grandine sui tetti di un forte rovescio che ha interessato la città lariana.

PROCESSO DI FORMAZIONE DELLA GRANDINE - Sono le correnti ascensionali ad alimentare la nube con aria caldo umida che si solleva rapidamente dal basso verso l'alto, trasportata da venti che possono arrivare anche ad oltre 100 km/h. Le correnti ascensionali trattengono sospese in cielo, all'interno della nube, i fenomeni meteorici come pioggia, neve, grandine. Il chicco di grandine viene spinto verso l'alto per poi precipitare verso il basso per gravità o venti discendenti, fin sotto la linea di congelamento dell'acqua. Il chicco di grandine, gelato, si bagna per la presenza di particelle di acqua o vapore, ma poi viene condotto di nuovo verso un corridoio di correnti ascensionali e si congela aumentando di dimensione. In questo modo si possono verificare grandinate distruttive, più frequenti durante i forti temporali del clou della stagione calda.

Pubblicato da Mauro Meloni - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Inizio Pagina