Meteo Giornale » Archivio » Focus Clima »

Precoci fiammate calde sub-tropicali: ha qualche colpa l'ITCZ?

Il ruolo eventuale dell'ITCZ sulla recente fase calda che ha coinvolto oltre mezza Europa.

ITCZ, DI CHE SI TRATTA? - Per ITCZ intendiamo la "linea di convergenza intertropicale", che rappresenta la fascia del Pianeta nella quale vanno a convergere i venti Alisei, che soffiano da nord/est sul nostro Emisfero e da sud/est sull'Emisfero Meridionale. Il punto d'incontro di questi venti rappresenta la fascia intertropicale, nella quale ci sono le condizioni adatte per l'instabilità con piogge abbondanti. Il posizionamento dell'ITCZ, allorquando sbilanciato troppo a nord, è considerato uno fra gli elementi cardine nel favorire le espansioni dell'alta pressione africana verso il Mediterraneo e l'Europa, a discapito delle altre circolazioni atmosferiche, in primis il flusso atlantico.

Ribaltone nel Regno Unito: dall'estrema siccità alle piogge record

MONITORIAMO L'ATTUALE ANDAMENTO DELL'ITCZ - Come già anticipato, la posizione del fronte d'ITCZ è spesso determinante nel favorire le risalite dell'anticiclone africano sul Mediterraneo e, talvolta, verso l'Europa. In questo periodo forse è ancora un po' prematuro richiamare l'ITCZ (prime fasi di fisiologica risalita verso nord) sulle precoci dinamiche calde che hanno coinvolto le nostre latitudini. In base ai dati a nostra disposizione, riferiti alla situazione fino alla conclusione della terza decade d'aprile, possiamo notare come la linea dell'ITCZ è nettamente risalita portandosi un po' sopra la norma sul comparto africano centro-occidentale, mentre è scesa leggermente sottomedia per quanto concerne la parte orientale dell'Africa.

Caldo record? Sì, ma l'evento dell'aprile 2011 è stato ben più eccezionale

GLI EFFETTI SUL METEO RECENTE IN EUROPA - Una linea ITCZ in netto rialzo sul lato occidentale dell'Africa può aver contribuito alla risalita di latitudine delle depressioni atlantiche, le quali ad un certo punto hanno arretrato il raggio d'azione verso ovest affondando sull'Iberia. In questo contesto l'anticiclone africano è risalito sul Mediterraneo Centro-Orientale, andando poi ad erigere un vasto scudo di blocco su buona parte dell'Europa dell'Est, dove si è avuta l'esplosione del caldo di stampo estivo. In sintesi, sull'Italia, esposta ai riflessi del ramo occidentale dell'ITCZ, si è scatenata l'ondata di caldo a fine mese, mentre sull'Europa Centro-Orientale la fase di calore anomala è stata molto più duratura.

La temuta "Falla Iberico-Portoghese": perché fa così tanta paura?

immagine 1 del capitolo 1 del reportage 23137 La linea rossa indica l'andamento dell'ITCZ durante la seconda decade di aprile, mentre quella nera rappresenta il valore climatologico normale per questo periodo. Evidente il posizionamento più a sud rispetto alla norma, per quanto concerne la porzione occidentale africana. Le aree colorate rappresentano le precipitazioni cadute nei territori africani prossimi all'ITCZ, sempre con riferimento al periodo 11-20 aprile 2012. Fonte NOAA.

immagine 2 del capitolo 1 del reportage 23137 La posizione del fronte intertropicale (in azzurro) nella sua parte orientale del Continente Africano durante la seconda decade di aprile: la posizione media è stata attorno ai 10°N, più o meno in linea con il valore climatologico dopo essere rimasta in precedenza sottomedia. Fonte NOAA.

POSSIBILE EVOLUZIONE - In attesa dei prossimi dati, che avranno modo di delineare un quadro più chiaro sull'andamento recentissimo dell'ITCZ, si potrebbe sostenere sulla base di esso (e non solo, ma anche di altri indici climatici) che le prossime settimane potrebbero non essere troppo diverse dagli scenari meteo che hanno contraddistinto aprile. In sostanza, ci aspettiamo un tipo di tempo dinamico dove eventuali fiammate calde africane potrebbero alternarsi in modo repentino con irruzioni fresche e perturbate nord-atlantiche. Negli ultimi anni la porzione occidentale dell'ITCZ è spesso rimasta sottomedia fino agli inizi dell'estate, tanto da penalizzare gli inizi della cosiddetta "bella stagione": vedremo se quest'anno farà eccezione e se a giugno l'estate decollerà con decisione.

Pubblicato da Mauro Meloni - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Inizio Pagina