Meteo Giornale » Archivio » Analisi Meteo »

I segnali del graduale cambiamento meteo: numerose tracce di condensazione degli aerei

Scie di condensazione traccianti: la loro formazione e persistenza causata da condizioni atmosferiche favorevoli

SI PREPARA IL TERRENO per accogliere la perturbazione L'anticiclone invecchia ed inizia ad aumentare considerevolmente l'umidità alle altezze superiori dell'atmosfera, un indice chiaro dell'approssimarsi di un sistema perturbato da ovest. In queste ore mattutine è in corso un fenomeno particolare ma frequente di talune condizioni, ovvero le scie di condensazione (chiamate "contrail" in inglese), nient'altro che i vapori rilasciati dagli aeromobili in volo.

Intrighi sul Clima: tirati in ballo gli UFO sul tema delle "scie chimiche", Procura archivia inchiesta

Quasi sempre (in atmosfera relativamente stabile) queste scie di condensazione si dissolvono rapidamente, mentre in talune condizioni atmosferiche possono invece risultare persistenti e capaci di espandersi in modo tale da generare vere e proprie velature artificiali: è proprio quello che sta accadendo questa mattina in una vasta porzione di territorio compresa fra parte del Nord Italia, Toscana e Sardegna settentrionale. L'evento è così diffuso ed importante da poter essere chiaramente apprezzato, anche all'occhio dei più distratti, osservando le immagini fotografate dallo spazio dal Satellite Meteosat.

CONTRAIL, Il progetto ESA per lo studio delle scie di condensazione degli aerei

Come si formano? Le scie odierne sono il risultato della condensazione dei gas di scarico: in sostanza si verifica un repentino raffreddamento dei gas di scappamento dei motori, i quali immettono nell'atmosfera, già particolarmente umida, una quantità di vapore acqueo che ghiaccia attorno a piccole particelle e nuclei di condensazione sufficienti a provocare il fenomeno. La temperatura dell'aria più favorevole è quella compresa fra i 25 ed i 40 gradi al di sotto dello zero. Sono proprio queste le scie che risultano come le più persistenti: osservando l'ultimo radiosondaggio di Milano Linate emerge in effetti la presenza, attorno ad un altezza di 9-10000 metri, di uno strato d'aria decisamente umida e con temperature congeniali al rilascio ed alla presenza di queste scie.

immagine 1 del capitolo 1 del reportage spie del graduale cambiamento meteo scie di condensazione Nell'immagine satellitare abbiamo delimitato nel quadrato la zona dove si nota il fitto traffico di scie di condensazione prodotte in alta quota dai vapori degli aerei. Copyright Eumetsat 2011.

immagine 2 del capitolo 1 del reportage spie del graduale cambiamento meteo scie di condensazione Ecco come appare il cielo ricco di queste scie di condensazione, che si allargano assumendo la formazione di vere e proprie nubi cirriformi: la foto è relativa al panorama odierno di questa mattina su Chiavari, nel genovese. Fonte webcam www.comune.chiavari.ge.it

Le scie di condensazione sono spesso messe sotto accusa, in quanto ritenute responsabili di variazioni climatiche. Effettivamente si tratta pur sempre di nubi determinate da attività artificiale e che quindi danno il loro contributo, pur piccolo, all'incremento dei gas serra ed ossidi d'azoto, alterando anche la presenza della normale nuvolosità naturale (basti pensare che la copertura nuvolosa dovuta al traffico aereo ammonta mediamente al 2% sui cieli europei). C'è chi crede che dietro il fenomeno vi siano degli esperimenti di varia natura attraverso agenti biologici o chimici, finalizzati ad ottenere alterazioni climatiche, in quella che sarebbe una misteriosa teoria del complotto portata avanti a totale insaputa della popolazione mondiale, ma è una teoria che non ha mai trovato alcun credito nell'ambito della comunità scientifica, in quanto è totalmente priva di riscontri empirici e di prove scientifiche.

Pubblicato da Mauro Meloni - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Inizio Pagina