Meteo Giornale » Archivio » Facciamo il Punto »

Avanza una saccatura atlantica, gelo aggrappato alla Scandinavia

Anticiclone continentale non facilita l'ingresso di una saccatura atlantica, resiste il Generale Inverno sulle nazioni scandinave

Questo scorcio di tempo pienamente primaverile vede l'azione di un vasto anticiclone che domina su oltre mezza Europa, senza comunque impedire infiltrazioni nuvolose di un certo rilievo al suo interno, che sono comunque in gran parte scarsamente produttiva. L'alta pressione non è per il momento ben strutturata alle quote superiori dell'atmosfera nemmeno sul cuore del Mediterraneo e per questo motivo abbiamo assistito a residue condizioni d'instabilità atmosferica su alcune regioni d'Italia, ma anche tra i Balcani e la Grecia.

Meteo migliore al mattino, nel pomeriggio aumenta l'instabilità con rovesci e temporali nelle zone interne

La nuvolosità che intravediamo sui settori di ponente dell'Europa fa parte di un ammasso perturbato più organizzato, legato ad una saccatura ciclonica ancora posizionata sul Vicino Atlantico, poco al largo del Regno Unito. Questa saccatura forzerà pian piano il muro anticiclonico, portando maggiore dinamismo nel contesto meteo continentale.

Avanza la primavera sull'Europa, regge la roccaforte gelida sul nord della Scandinavia

immagine 1 del capitolo 1 del reportage clima gradevole su gran parte d europa avanza una depressione da ovest Copyright © EUMETSAT 2010

La contrapposizione dell'alta pressione con questa area ciclonica sta generando un'ulteriore accentuazione dell'afflusso d'aria piuttosto tiepida, in risalita dalle latitudini sub-tropicali: le punte superiori ai 20 gradi si sono spinte nuovamente sul cuore dell'Europa, senza limitarsi solamente alla Francia ed alla Spagna.

immagine 2 del capitolo 1 del reportage clima gradevole su gran parte d europa avanza una depressione da ovest L'andamento termico odierno sull'Europa, che vive sempre più un contesto diffusamente primaverile, a parte la Penisola Scandinava.

L'anticiclone si va consolidando anche sull'Italia, con l'instabilità pomeridiana a dare quel tocco in più della stagione primaverile che avanza. Le regioni settentrionali hanno goduto di ampi spazi soleggiati, con il Triveneto che ha visto quest'oggi registrate le temperature fra le più alte dell'intero territorio nazionale, con punte di 23 gradi a Bolzano e 21 gradi sul trevigiano. Nella foto vediamo la modesta cumulogenesi di oggi su Milano, dovuta all'azione del riscaldamento diurno.

immagine 3 del capitolo 1 del reportage clima gradevole su gran parte d europa avanza una depressione da ovest Visuale del Castello Sforzesco di Milano questo pomeriggio sotto dei piccoli cumuli, segno dell'evidente cambio stagionale. Fonte www.milanocam.it

Sulle estreme zone di Nord-Ovest, in particolar modo sul Piemonte, la giornata è stata ben più uggiosa con nubi sempre più compatte addossate da infiltrazioni umide orientali, che precedono l'imminente ingresso della parte avanzata della perturbazione d'origine atlantica, la quale innescherà un peggioramento nel corso dei prossimi giorni.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina