Meteo Giornale » Archivio » Sotto la lente »

Prima metà di Marzo al freddo sull'Italia e gran parte d'Europa: lungo colpo di coda invernale

Inverno senza fine: analisi di un inizio Marzo abbastanza rigido, anche alle latitudini mediterranee

In questa prima metà di Marzo gran parte dell'Europa ha registrato delle temperature ben al di sotto della media stagionale: l'insediamento di un vasto anticiclone di blocco, fra le Isole Britanniche e la Penisola Scandinava, ha fatto infatti scivolare un fiume d'aria molto fredda artica fin sulle latitudini mediterranee.

Stagionali NASA: prospettive di un'Estate fresca

Le maggiori anomalie di freddo (si parla di valori di 5-6 gradi al di sotto delle medie) hanno così interessato, oltre al gran parte d'Italia, tutto il comparto centrale europeo e la Spagna, nell'ambito del periodo compreso fra il 7 ed il 13 Marzo. Tuttavia, gran parte del Continente ha risentito di questo raffreddamento di stampo tipicamente invernale.

immagine 1 del capitolo 1 del reportage prima parte di marzo fredda sull italia e l europa colpo di coda invernale La cartina mostra le anomalie termiche registrate fra il 7 ed il 13 Marzo: prevalgono ampiamente gli scarti negativi, cioè ha fatto un po' ovunque più freddo della media. Fonte immagine NOAA.

Focalizzando l'attenzione sull'Italia e considerando tutta la prima metà del mese (fino al giorno 15), sono state le regioni settentrionali quelle a risentire di un freddo abbastanza corposo ed accentuato, con la temperatura media che si è finora distaccata da quella climatologica mensile di oltre 3 gradi, mentre sul Meridione ed in particolare sulla Sicilia, per via dei richiami d'aria più mite, l'anomalia è stata ben inferiore, oscillante tra i -0,1°C ed i -1,2°C rispetto ai valori medi su scala mensile. Questo scarto Nord-Sud, con il primo a risentire più direttamente delle ondate di freddo, è stata una consuetudine di tutto l'Inverno, come possiamo peraltro vedere nella cartina complessiva in basso, che riassume gli scarti dalle medie che si sono avuti nel mese di Febbraio.

immagine 2 del capitolo 1 del reportage prima parte di marzo fredda sull italia e l europa colpo di coda invernale La cartina mostra le anomalie termiche registrate nel mese di Febbraio: si vede il grande gelo sulla Scandinavia, mentre in Italia prevalgono le anomalie positive, tranne al Nord sempre maggiormente esposto alle influenze artiche che hanno preso di mira l'Europa Centro-Settentrionale. Fonte immagine NOAA.

Nel recente periodo (considerato dalla prima carta in alto) le uniche zone che hanno avuto valori un po' sopra le medie sono state la Norvegia, gran parte della Svezia e della Lapponia. Per queste zone si è trattato della prima parentesi di temperature più miti dopo quasi 3 mesi costantemente al gelo, ma si è pur trattato solo di una fase temporanea, dato che in questi ultimi giorni si è avuta una nuova recrudescenza del freddo.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina