Meteo Giornale » Archivio » Sotto la lente »

Gelo sull'Europa Centro-Settentrionale: il crudo Inverno non concede tregua da metà Dicembre

Europa avvolta nel gelo: Gennaio porterà il gelo a sfondare sul Mediterraneo?

La parte centro-settentrionale del Continente Europeo resta avvolta all'interno di uno scenario di intenso gelo. Questo è dovuto alla presenza di forti strutture anticicloniche ad alte latitudini che costringono il Vortice Polare ad una scissione, con la porzione scandinavo-siberiana che riesce a spingersi fino a latitudini piuttosto basse del nostro Continente, sospingendo così a più riprese masse d'aria gelida artica.

Finlandia ed Estonia: il freezer è sempre alla massima potenza. Il gelo invade anche il Benelux

Il gelo resta l'autentico padrone, in una vasta area che s'estende dalla Russia fino alla Francia ed alle Isole Britanniche. Le temperature si sono presentate molto al di sotto dello zero nella scorsa notte e, fra le diverse città più importanti, segnaliamo come valori minimi i -6 di Londra, i -7 di Parigi e Berlino, i -8°C a Bruxelles, i -13°C di Stoccolma, i -18°C di Oslo ed i -24°C di Mosca. Nella cartina possiamo vedere meglio quella che è la dimensione del gelo sul Continente Europeo, con punte fino quasi a -40°C sulle zone continentali dell'Artico Russo.

immagine 1 del capitolo 1 del reportage gelo sull europa il crudo inverno non concede tregua da dicembre I valori minimi raggiunti al primo mattino di oggi su varie località dell'Europa.

Ormai è da oltre 20 giorni che il gelo si è andato ad impossessare delle medie-alte latitudini europee, con ben poche pause. Ormai è da metà Dicembre che, fra alti e bassi, le temperature sono precipitate ben sopra la media. Nonostante una prima parte di Dicembre tutt'altro che fredda, nel complesso il mese è stato generalmente più freddo della norma, come possiamo apprezzare sulla mappa NOAA. Le anomalie negative sono contenute (non superano i 2-3 gradi) proprio dal fatto che il freddo ha predominato solo nell'ultima quindicina del mese. In genere, solo l'Italia Centro-Meridionale, il sud della Spagna ed i Balcani hanno avuto temperature un po' superiori alla media, per via di concomitanti rimonte anticicloniche di matrice sub-tropicale che peraltro hanno portato fiammate di caldo africano di notevole rilevanza per il periodo.

immagine 2 del capitolo 1 del reportage gelo sull europa il crudo inverno non concede tregua da dicembre Le anomalie termiche del mese di Dicembre sul comparto europeo. Fonte NOAA

Il 2010 è iniziato dunque di nuovo con una recrudescenza del gelo sul Centro-Nord Europa. Ci attende dunque un secondo round del grande freddo che, pur senza raggiungere gli eccezionali picchi toccati prima di Natale, potrebbe tuttavia riuscire ad invadere con decisione il bacino centro-occidentale del Mediterraneo.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina