Meteo Giornale » Archivio » Sotto la lente »

Vento fortissimo e precipitazioni battenti: ecco i veri botti di Capodanno

Modello MTG-LAM: focus sull'entità della tempesta di vento prevista abbattersi sui bacini centro-meridionali italiani

Tramite l'ausilio delle ultime carte ad alta risoluzione del modello MTG-LAM, su base WRF, possiamo vedere la notevole tempesta di vento che spazzerà l'Italia Centro-Meridionale, causata dal passaggio di un profondo centro di bassa pressione sul Nord della Penisola. I venti molto forti da O/SO spazzeranno in tarda serata la Sardegna, con raffiche prossime ai 100 km/h sul Mare di Sardegna e sulle relative zone costiere occidentali. Le cartine vanno a focalizzare l'attenzione per la giornata di domani (tre distinti momenti alle ore 7, alle ore 13 ed alle ore 19 italiane), quando i fortissimi venti tenderanno a propagarsi a buona parte dei bacini centro-meridionali: si notino le raffiche fortissime in particolar modo fra la Sardegna e le zone centro-meridionali tirreniche, dove si potrebbero localmente superare i 100 km/h. Attese quindi imponenti e pericolose mareggiate con onde alte diversi metri.

Il nuovo anno inizierà col brutto tempo, poi verrà il freddo e tornerà la neve al Nord

immagine 1 del capitolo 1 del reportage bufera di vento e precipitazioni battenti per capodanno Raffiche di vento sui bacini italiani attese per le ore 06Z del 1°Gennaio 2010, elaborazione MTG-LAM. Fonte: http://www.meteogiornale.it/mappe-modelli-meteo

Generale raffreddamento post-Capodanno: apporti d'aria artica, Inverno pronto a tornare alla ribalta

immagine 2 del capitolo 1 del reportage bufera di vento e precipitazioni battenti per capodanno Raffiche di vento sui bacini italiani attese per le ore 12Z del 1°Gennaio 2010, elaborazione MTG-LAM. Fonte: http://www.meteogiornale.it/mappe-modelli-meteo

immagine 3 del capitolo 1 del reportage bufera di vento e precipitazioni battenti per capodanno Raffiche di vento sui bacini italiani attese per le ore 18Z del 1°Gennaio 2010, elaborazione MTG-LAM. Fonte: http://www.meteogiornale.it/mappe-modelli-meteo

Da un punto di vista delle precipitazioni, la situazione appare ormai chiara ed i fenomeni tenderanno a concentrarsi sulle zone tirreniche, che saranno quelle nettamente più esposte al sostenuto flusso perturbato occidentale. La mappa MTG-LAM focalizza l'attenzione sulle precipitazioni attese nelle prime 12 ore della giornata di Capodanno: non possiamo certo fare a meno di notare le ulteriori precipitazioni attese in Alta Toscana, zone che stanno vivendo un Capodanno con fortissima apprensione dopo il recente alluvione ed il rischio di nuove esondazioni.

immagine 4 del capitolo 1 del reportage bufera di vento e precipitazioni battenti per capodanno Precipitazioni previste dal modello MTG-LAM per la prima parte del giorno di Capodanno: i fenomeni si concentreranno sui versanti di ponente. Fonte: http://www.meteogiornale.it/mappe-modelli-meteo

Per la giornata di Capodanno, si conferma l'ingresso di masse d'aria decisamente più fredde apportate da questi venti occidentali. Giungerà così al capolinea l'eccezionale caldo che ha avvolto il Sud e le due Isole Maggiori. Se facciamo attenzione sulla carta di previsione della quota neve per le ore centrali di domani, giornata di Capodanno, dovrebbe ritornare una piccola parvenza d'inverno con la neve sull'Appennino Centrale a quote attorno ai 1300-1500 metri ed addirittura a quote localmente più basse sui rilievi della Sardegna. La quota neve indicata in forte ribasso sul Nord segnala il calo termico, ma su queste zone non sono attese precipitazioni.

immagine 5 del capitolo 1 del reportage bufera di vento e precipitazioni battenti per capodanno Quota neve prevista dal modello MTG-LAM per le ore centrali del 1°Gennaio 2010. Fonte: http://www.meteogiornale.it/mappe-modelli-meteo

L'inizio d'anno nuovo promette poi scintille anche nei giorni successivi al Capodanno, date le conferme che seguitano ad arrivare sulla breve, ma intensa avvezione fredda del week-end, a cui seguiranno prospettive di neve al Nord, fino in pianura, nella giornata di lunedì 4 Gennaio.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina