Meteo Giornale » Archivio » News Meteo Italia »

Montagne italiane straordinariamente innevate: anni recenti a confronto

immagine articolo 14584 La zona del Passo Rolle sepolta dalla neve. Foto di "blizzard" da www.mtgforum.it. Per evidenziare al meglio il grande innevamento presente sulle nostre montagne, niente di più facile che visualizzare quella che è l'altezza della neve presente su alcune stazioni di riferimento.

Anche se poche, esse presentano comunque misurazioni rigorose effettuate a cura dell'Aeronautica Militare, ed i valori annui sono quindi confrontabili tra di loro con notevole precisione.

Dopo una buona fetta di stagione invernale caratterizzata da grandi precipitazioni sul Centro Nord, il maltempo a partire dalla seconda parte di Febbraio ha interessato soprattutto il Sud, ammantando abbondantemente di neve anche quelle zone appenniniche che, fino a quel momento, non erano state interessate da fenomeni nevosi se non marginalmente.

Possiamo allora prendere come riferimento alcune stazioni aeronautiche, e verificare le altezze al 10 di Marzo degli anni passati, confrontandole con l'attuale.

Si esamina, in particolare, il comportamento dell'innevamento agli inizi della Primavera meteorologica nel corso degli anni Duemila.

Passo Rolle e Paganella sono due stazioni alpine trentine, Dobbiaco è altoatesina, Tarvisio è in Friuli, il Monte Cimone è sull'Appennino Tosco-Emiliano, il Terminillo nel Lazio, ed infine il Monte Scuro sulla Sila, in Calabria.

Sono dunque rappresentativi dell'Arco Alpino orientale, dell'Appennino Settentrionale, Centrale e Meridionale.

Ecco il confronto:

ZonaQuota2000200120022003200420052006200720082009
Passo Rolle2004 metri514177401806713080106318
Paganella2125 metri4719689641879615644100328
Dobbiaco1222 metri43006016529862
Tarvisio777 metri00005525570566
M. Cimone2165 metri9238274365361431057252
M. Terminillo 1874 metri11103872412194353285268
M. Scuro1710 metri0221186122367130324294

L'analisi evidenzia bene un manto primaverile molto ridotto, già al 10 di Marzo, su tutte le nostre Regioni, specialmente nei primi anni Duemila, conseguenza di Inverni non troppo nevosi, e di temperature piuttosto alte in questo mese.

Anche il famoso inverno 2001, ricchissimo di precipitazioni nevose sulle Alpi, vide un manto nevoso che è pari a meno della metà di quello presente attualmente in Trentino.

Meglio sono andati gli anni a partire dal 2003 per il Sud, e dal 2004 per il resto delle montagne italiane, ad eccezione dell'asfittico Inverno del 2007.

Quest'anno rappresenta l'anno record per la neve sulle Alpi e sull'Appennino Settentrionale (riferendosi all'innevamento nella prima decade della Primavera), con valori nettamente superiori (più del doppio), rispetto alle altezze raggiunte negli anni Duemila.

Andando a ritroso, probabilmente potremmo estendere questo valore record fino almeno dalla fine degli anni Ottanta.

Per il Centro Italia e per il Sud gli anni di massimo innevamento sono stati il 2006 ed il 2005 rispettivamente, caratterizzati da ripetute ondate di freddo e di neve su queste zone.

Ma, in ogni caso, si parla di altezze della neve molto elevate anche per queste zone, in questo periodo stagionale.

Per la prima volta da una ventina d'anni a questa parte, affrontiamo i primi tepori primaverili con un manto nevoso di grande altezza e, soprattutto, ben consolidato, in quanto frutto di nevicate piuttosto lontane del tempo, e perciò ben compattate.

Vedremo poi alla fine della Primavera come saranno i ghiacciai alpini, e le probabili benefiche conseguenze di questo periodo di grandi precipitazioni sulle lingue glaciali oramai in agonia.

Pubblicato da Marco Rossi

Inizio Pagina