Meteo Giornale » Archivio » News Meteo »

Nubifragi su Richmond, in Virginia, per effetto di Gaston

immagine articolo nubifragi su richmond in virginia per effetto di gaston
seconda immagine articolo nubifragi su richmond in virginia per effetto di gaston Nella prima immagine (riferita alle 12 GMT del 31 agosto, a 700 hpa) gli intensi moti verticali nel nucleo temporalesco localizzato tra Austria sudorientale e Slovenia. Nella seconda immagine (riferita alla stessa ora, ma a 850 hpa) si nota l'aria calda che risale sull'Islanda, riscaldandone soprattutto le coste settentrionali. Fonte immagini www.wetterzentrale.de.
La tempesta tropicale Gaston ha colpito negli ultimi giorni prima Nord e Sud Carolina, quindi la Virginia. 140 mm di pioggia sono caduti a Richmond, Virginia, in sole 6 ore, a cavallo delle 0 UTC del 31 agosto ("heavy rain" dalle 22 UTC del 30 alle 2 UTC del 31), lasciando le auto a galleggiare lungo le strade allagate. La media pluviometrica di Richmond è di 126 mm in agosto. 26 mm a Norfolk, sempre in Virginia, tra le 12 UTC del 30 e la stessa ora del 31: una pioggia notevole, ma molto ridotta rispetto a quella di Richmond.

Nel bollettino riferito a Gaston del 30 agosto si comunicava che la tempesta si indeboliva e muoveva a terra verso nord est. Alle 21 del 30 agosto (UTC) era centrata sulla Virginia, con pressione centrale 1001 hpa, venti sostenuti di 20 nodi e raffiche di 37, spostandosi verso nordest a 22 km/h. L'immagine satellitare del 31 agosto mostra infatti la tempesta sull'Atlantico, con interessamento della penisola di Capo Cod, Massachussets.

Gayndah si trova circa 150 miglia a nordovest di Brisbane, nel Queensland (Australia), e mediamente riceve 29 mm di pioggia in agosto. In sole 12 ore, dalle 0 alle 12 GMT di martedì 31, sono caduti 16 mm.

Temporali su Klagenfurt, in Carinzia (Austria), hanno depositato 35 mm di pioggia nelle 6 ore tra le 6 e le 12 GMT di martedì 31 agosto (43 mm in tutta la giornata). La media pluviometrica di agosto è 115 mm. Il fronte ha ovviamente interessato anche le montagne della zona e sul Sonnblick (Alti Tauri, m 3105) è caduta la neve in abbondanza, visto che la precipitazione, tradotta in pioggia, è stata pari a 25 mm (la temperatura massima nella stazione ha superato di pochi decimi i 2°C). Lo stesso fronte temporalesco ha interessato anche la Slovenia, dove il 31 agosto sono caduti 32 mm a Lubiana e 58 mm sul Monte Kredarica (2515 m).

Venti meridionali richiamati da una profonda depressione a ovest dell'isola, hanno fatto alzare le temperature in Islanda. Soprattutto sulla costa nord, dove si è sommato l'effetto foehn, si sono raggiunti valori elevati, come i 20,0°C di massima di Akureyri, seconda città del paese, accompagnati da vento da SSE fino a 18 mph. La media delle massime di agosto è 13°C, il record 22°C.

Temporali in Benin hanno provocato la caduta di 66 mm di pioggia a Bohicon, nel sud del paese, nelle 24 ore precedenti le 12 GMT di martedì 31. La media pluviometrica di agosto è 100 mm.

Pubblicato da Giovanni Staiano

Inizio Pagina